radice del NUOVO ORDINE MONDIALE

IaHUShUA
"To seek out that which was lost..."
We present this Information as a Service to our readers... Its inclusion should not be construed as the Authors' or the Relays' endorsement of our Beliefs... or as our endorsement of theirs.. the Truth will stand on it's own Merit.

Found at: The RCathList Home Page. (Suprise!) Download file in .txt format... Self extracting 79.2K factsar.exe.

"Am I therefore become your enemy, because I tell you the truth?"
Galatians 4:16

"FACTS ARE FACTS"
  • The historic facts revealed here for the first time provide incontestable evidence that
    their continued suppression will prove inimical to the security of the nation, the peace
    of the world, the welfare of humanity, and the progress of civilization.

    A facsimile reproduction reprinted and typeset to meet the many requests for a copy
    of the letter addressed to:
    DR. DAVID GOLDSTEIN, LL.D., of Boston, Mass.
    by its author
    BENJAMIN H. FREEDMAN of New York City
    Dated October 10, 1954

    DEDICATION
    • to all men of good will
      of all racial origins and
      of all religious faiths

      Knowledge is a collection of facts.
      Wisdom is the use of knowledge.
      Without facts there is no knowledge.
      Without knowledge there is no wisdom.
      Facts prevent what nothing can cure.
      Facts are Man's best defense mechanism.
      Without them men fumble, falter and fail.
      Without them nations decline and fall.
      Wisdom wins wars before they start.
      Knowledge aborts national hostilities.
      Wisdom obviates racial antipathies.
      Knowledge effaces religious animosities.
      Emancipation from bigotry prefaces peace.
      Intolerance takes all and gives nothing.
      Peace rewards reciprocal respect and regard.
      To all Men of Good Will, "Pax Vobiscum!"
      - Benjamin H. Freedman


THE TRUTH ABOUT KHAZARS
960 Park Ave.
New York City
October Tenth, 1954.

SPECIAL DELIVERY
Dr. David Goldstein LL.D.,
Astor Post Office Station,
Boston, Massachusetts.

My Dear Dr. Goldstein,

Your very outstanding achievements as a convert to Catholicism impress me as without a comparable parallel in modern history. Your devotion to the doctrine and the dogmas of the Roman Catholic Church defy any attempt at description by me only with words. Words fail me for that.

As a vigorous protagonist preserving so persistently in propagating the principles of the Roman Catholic Church, -its purposes, its policies, its programs,- your dauntless determination is the inspiration for countless others who courageously seek to follow in your footsteps.

In view of this fact it requires great courage for me to write to you as I am about to do. So I pray you receive this communication from me you will try to keep in mind Galatians 4:16 "Am I therefor become you enemy, because I tell you the truth?" I hope you will so favor me.

It is truly a source of great pleasure and genuine gratification to greet you at long last although of necessity by correspondence. It is quite a disappointment for me to make your acquaintance in this manner. It would now afford me a far greater pleasure and a great privilege also if instead I could greet you on this occasion in person.
Our very good mutual friend has for long been planning a meeting with you in person for me. I still wish to do that. I look forward with pleasant anticipation to doing this in the not too distant future at a time agreeable with you.

You will discover in the contents of this long letter valid evidence for the urgency on my part to communicate with you without further delay. You will further discover this urgency reflected in the present gravity of the crisis which now jeopardizes an uninterrupted continuance of the Christian faith in its long struggle as the world's most effective spiritual and social force in the Divine mission of promoting the welfare of all mankind without regard for their diversified races, religions, and nationalities.

Your most recent article coming to my attention appeared in the September issue of 'The A.P.J. Bulletin', the official publication of the organization calling themselves The Archconfraternity of Prayer for Peace and Goodwill to Israel. The headline of your article, 'News and Views of Jews', and the purpose of the organization stated in the masthead of the publication, "To Promote Interest in the Apostalate to Israel" prompts me to take Father Time by his forelock and promptly offer my comments. I beg your indulgence accordingly.

It is with reluctance that I place my comments in letter form. I hesitate to do so but I find it the only expedient thing to do under the circumstances. I beg to submit them to you now without reservations of any nature for your immediate and earnest consideration. It is my very sincere wish that you accept them in the friendly spirit in which they are submitted. It is also my hope that you will give your consideration to them and favor me with your early reply in the same friendly spirit for which I thank you in advance.

In the best interests of that worthy objective to which you are continuing to dedicate the years ahead as you have so diligently done for many past decades, I most respectfully and sincerely urge you to analyze and to study carefully the data submitted to you here. I suggest also that you then take whatever steps you consider appropriate and necessary as a result of your conclusions. In the invisible and intangible ideological war being waged in defense of the great Christian heritage against its dedicated enemies your positive attitude is vital to victory. Your passive attitude will make a negative contribution to the total effort.

You assuredly subscribe fully to that sound and sensible sentiment that "it is better to light one candle than to sit in darkness." My solitary attempts to date "to give light to them that sit in darkness, and in the shadow" may prove no more successful with you now than they have in so many other instances where I have failed during the past thirty years. In your case I feel rather optimistic at the moment.

Although not completely in vain I still live in the hope that one day on of these "candles" will burst into flame like a long smoldering spark and start a conflagration that will sweep across the nation like a prairie fire and illuminate vast new horizons for the first time. That unyielding hope is the source of the courage which aids me in my struggle against the great odds to which I am subjected for obvious reasons.

It has been correctly contended for thousands of years that "In the end Truth always prevails." We all realize that Truth in action can prove itself a dynamic power of unlimited force. But alas Truth has no self-starter. Truth cannot get off dead-center unless a worthy apostle gives Truth a little push to overcome its inertia. Without that start Truth will stand still and will never arrive at its intended destination. Truth has often died aborning for that most logical reason. Your help in this respect will prove of great value.

On the other hand Truth has many times been completely "blacked out" by repeating contradictory and conflicting untruths over and over again, and again, and again. The world's recent history supplies sober testimony of the dangers to civilization inherent in that technique. That form of treason to Truth is treachery to mankind. You must be very careful, my dear Dr. Goldstein, not to become unwittingly one of the many accessories before and after the fact who have appeared upon the scene of public affairs in recent years.

Whether unwittingly, unwillingly or unintentionally many of history's most noted characters have misrepresented the truth to the world and they have been so believed that it puzzles our generation. As recently as 1492 the world was misrepresented as flat by all the best alleged authorities on the subject. In 1492 Christopher Columbus was able to demonstrate otherwise. There are countless similar instances in the history of the world.

Whether these alleged authorities were guilty of ignorance or indifference is here beside the point. It is not important now. They were either totally ignorant of the facts or they knew the facts but chose to remain silent on the subject for reasons undisclosed by history. A duplication of this situation exists today with respect to the crisis which confronts the Christian faith. It is a vital factor today in the struggle for survival or the eventual surrender of the Christian faith to its enemies. The times in which we are living appear to be the "zero hour" for the Christian faith.

As you have observed, no institution in our modern society can long survive if its structure is not from its start erected upon a foundation of Truth. The Christian faith was first erected upon a very solid foundation of Truth by its Founder. To survive it must remain so. The deterioration, the disintegration, and finally the destruction of the structure of the Christian faith today will be accelerated in direct ratio to the extent that misrepresentation and distortion of Truth become the substitutes of Truth. Truth is an absolute quality. Truth can never be relative. There can be no degrees to Truth. Truth either exists or it does not exist. To be half-true is as incredible as to be half-honest or to be half-loyal.

As you have undoubtedly also learned, my dear Dr. Goldstein, in their attempt to do an "ounce" of good in one direction many well-intentioned persons do a "ton" of harm in another direction. We all learn that lesson sooner or later in life. Today finds you dedicating your unceasing efforts and your untiring energy to the task of bringing so-called or self-styled "Jews" into the Roman Catholic Church as converts. It must recall to you many times the day so many years ago when you embraced Catholicism yourself as a convert. More power to you, and the best of luck.
May your efforts be rewarded with great success.

Without you becoming aware of the fact, the methods you employ contribute in no small degree to dilution of the devotion of countless Christians for their Christian faith. For each "ounce" of so- called good you accomplish by conversion of so-called or self- styled "Jews" to the Christian faith at the same time you do a "ton" of harm in another direction by diluting the devotion of countless Christians for their Christian faith. This bold conclusion on my part is asserted by me with the firm and fair conviction that the facts will support my contention. In addition it is a well-known fact that many "counterfeit" recent conversions reveal that conversions have often proved to be but "infiltrations" by latent traitors with treasonable intentions.

The attitudes you express today and your continued activity in this work require possible revision in the light of the facts submitted to you in this letter. Your present philosophy and theology on this subject seriously merit, without any delay, reconsideration on your part. What you say or write may greatly influence a "boom" or a "bust" for the Christian faith in the very near future far beyond your ability to accurately evaluate sitting in your high "white ivory tower." The Christians implicitly believe whatever you write. So do the so-called or self-styled "Jews" whom you seek to convert. This influence you wield can become a danger. I must call it to your attention.

Your reaction to the facts called to your attention in this letter can prove to be one of the most crucial verdicts ever reached bearing upon the security of the Christian faith in recent centuries.
In keeping with this great responsibility I sincerely commend this sentiment to you hoping that you will earnestly study the contents of this letter from its first word to its very last word. All who know you will are in the fortunate position to know how close this subject is to your heart. By your loyalty to the high ideals you have observed during the many years you have labored so valiantly on behalf of the Christian faith you have earned the admiration you enjoy. The Christian faith you chose of your own free will in the prime of life is very proud of you in more ways than as a convert.

Regardless of what anyone anywhere and anytime in this whole wide world may say to the contrary, events of recent years everywhere establish beyond any question of a doubt that the Christian faith today stands with one foot in the grave and the other on a banana peel figuratively speaking of course. Only those think otherwise who deliberately shut their eyes to realities or who do not chose to see even with their eyes wide open. I believe you to be too realistic to indulge yourself in the futile folly of fooling yourself.

It is clear that the Christian faith today stands at the cross- roads of its destiny. The Divine and sacred mission of the Christian faith is in jeopardy today to a degree never witnessed before in its long history of almost 2000 years. The Christian faith needs loyal friends now as never before. I somehow feel that you can always be counted upon as one of its loyal friends. You cannot over-simplify the present predicament of the Christian faith. The problem it faces is too self-evident to mistake. It is in a critical situation.

When the day arrives that Christians can no longer profess their Christian faith as they profess it today in the free world the Christian faith will have seen the beginning of its "last days." What already applies to 50% of the world's total population can shortly apply equally to 100% of the world's total population. It is highly conceivable judging from present trends. The malignant character of this malady is just as progressive as cancer. It will surely prove as fatal also unless steps are taken now to reverse its course. What is now being done toward arresting its progress or reversing its trend?

My dear Dr. Goldstein, can you recall the name of the philosopher who is quoted as saying that "Nothing in this world is permanent except change?" That philosophy must be applied to the Christian faith also. The $64 question remains whether the change will be for the better or for the worse. The problem is that simple.
If the present trend continues for another 37 years in the same direction and at the same rate traveled for the past 37 years the Christian faith as it is professed today by Christians will have disappeared from the face of the earth. In what form or by what instrumentality the mission of Jesus Christ will thereupon and thereafter continue to make itself manifest here on earth is as unpredictable as it is inevitable.

In the existing crisis it is neither logical nor realistic to drive Christians out of the Christian "fold" in relatively large numbers for the dubious advantage to be obtained by bringing a comparatively small number of so-called or self-styled "Jews" into the Christian "fold".

It is useless to try to deny the fact that today finds the Christian faith on the defense throughout the world. This realization staggers the imagination of the few Christians who understand the situation. This status of the Christian faith exists in spite of the magnificent contributions of the Christian faith to the progress of humanity and civilization for almost 2000 years. It is not my intention in this letter to expose the conspirators who are dedicating themselves to the destruction of the Christian faith nor to the nature and extent of the conspiracy itself. That exposure would fill many volumes.

The history of the world for the past several centuries and current events at home and abroad confirm the existence of such a conspiracy. The world-wide network of diabolical conspirators implement this plot against the Christian faith while Christians appear to be sound asleep. The Christian clergy appear to be more ignorant or more indifferent about this conspiracy than other Christians. They seem to bury their heads in the sands of ignorance or indifference like the legendary ostrich. This ignorance or indifference on the part of the Christian clergy has dealt a blow to the Christian faith already from which it may never completely recover, if at all. It seems so sad.

Christians deserve to be blessed in this crisis with a spiritual Paul Revere to ride across the nation warning Christians that their enemies are moving in on them fast. My dear Dr. Goldstein, will you volunteer to be that Paul Revere?

Of equal importance to pin-pointing the enemies who are making war upon the Christian faith from the outside is the necessity to discover the forces at work inside the Christian faith which make it so vulnerable to its enemies on the outside.
Applying yourself to this specific phase of the problem can prove of tremendous value in rendering ineffective the forces responsible for this dangerous state of affairs.

The souls of millions of Christians who are totally unknown to you are quite uneasy about the status of the Christian faith today. The minds of countless thousands among the Christian clergy are troubled by the mysterious "pressure" from above which prevents them exercising their sound judgment in this situation. If the forces being manipulated against the Christian faith from the inside can be stopped the Christian faith will be able to stand upon its feet against its enemies as the Rock of Gibraltar. Unless this can be done soon the Christian faith appears destined to crumble and to eventually collapse. An ounce of prevention is far preferable to a pound of cure you can be sure in this situation as in all others.

With all the respect due to the Christian clergy and in all humility I have an unpleasant duty to perform. I wish to go on record with you here that the Christian clergy are primarily if not solely responsible for the internal forces within the Christian faith inimical to its best interests. This conclusion on my part indicates the sum total of all the facts in my book which add up to just that.
If you truly desire to be realistic and constructive you must "hew to the line and let the chips fall where they may." That is the only strategy that can save the Christian faith from a fate it does not deserve. You cannot pussy-foot with the truth any longer simply because you find that now "the truth hurts", -someone you know or like.

At this late hour very little time is left in which to mend our fences if I can call it that. We are not in a position to waste any of our limited time. "Beating it around the bush" now will get us exactly nowhere. The courageous alone will endure the present crisis when all the chips are down. Figuratively and possibly literally there will be live heroes and dead cowards when the dust of this secular combat settles and not dead heroes and live cowards as sometimes occurs under other circumstances. The Christian faith today remains the only "anchor to windward" against universal barbarism. The dedicated enemies of the Christian faith have sufficiently convinced the world by this time of the savage methods they will adopt in their program to erase the Christian faith from the face of the earth.

Earlier in this letter I stated that in my humble opinion the apathy of the Christian clergy might be charged with sole responsibility for the increasing dilution of the devotion of countless Christians for the Christian faith. This is the natural consequence of the confusion created by the Christian clergy in the minds of Christians concerning certain fundamentals of the Christian faith. The guilt for this confusion rests exclusively upon Christian leadership not upon Christians generally. Confusion creates doubt. Doubt creates loss of confidence. Loss of confidence creates loss of interest. As confusion grows more, and more, and more confidence grows less, and less, and less. The result is complete loss of all interest. You can hardly disagree with that, my dear Dr. Goldstein, can you?

The confusion in the minds of Christians concerning fundamentals of the Christian faith is unwarranted and unjustified.
It need not exist. It would not exist if the Christian clergy did not aid and abet the deceptions responsible for it. The Christian clergy may be shocked to learn that they have been aiding and abetting the dedicated enemies of the Christian faith. Many of the Christian clergy are actually their allies but may not know it. This phase of the current world-wide campaign of spiritual sabotage is the most negative factor in the defense of the Christian faith.

Countless Christians standing on the sidelines in this struggle see their Christian faith "withering on the vine" and about ripe enough to "drop into the lap" of its dedicated enemies. They can do nothing about it. Their cup is made more bitter for them as they observe this unwarranted and this unjustified ignorance and indifference on the part of the Christian clergy. This apathetic attitude by the Christian clergy offers no opposition to the aggressors against the Christian faith. Retreat can only bring defeat. To obviate surrender to their dedicated enemies the Christian clergy must "about face" immediately if they expect to become the victors in the invisible and intangible ideological war now being so subversively waged against the Christian faith under their very noses. When will they wake up?

If I were asked to recite in this letter the many manners in which the Christian clergy are confusing the Christian concept of the fundamentals of the Christian faith it would require volumes rather than pages to tell the whole story. Space alone compels me here to confine myself to the irreducible minimum. I will limit myself here to the most important reasons for this confusion.
Brevity will of necessity limit the references cited to support the matters presented in this letter. I will do my best under the circumstances to establish the authenticity of the incontestable historical facts I call to your attention here.

In my opinion the most important reason is directly related to your present activities. Your responsibility for this confusion is not lessened by your good intentions. As you have heard said so many times "Hell is paved with good intentions." The confusion your articles create is multiplied a thousand-fold by the wide publicity given to them as a result of the very high regard in which you personally are held by editors and readers across the nation, Christian and non-Christian alike. Your articles constantly are continually reprinted and quoted from coast to coast.

The utterance by the Christian clergy which confuses Christians the most is the constantly repeated utterance that "Jesus was a Jew." That also appears to be your favorite theme. That misrepresentation and distortion of an incontestable historic fact is uttered by the Christian clergy upon the slightest pretext. They utter it constantly, also without provocation. They appear to be "trigger happy" to utter it. They never miss an opportunity to do so. Informed intelligent Christians cannot reconcile this truly unwarranted misrepresentation and distortion of an incontestable historic fact by the Christian clergy with information known by them now to the contrary which comes to them from sources believed by them to be equally reliable.

This poses a serious problem today for the Christian clergy. They can extricate themselves from their present predicament now only be resorting to "the truth, the whole truth, and nothing but the truth". That is the only formula by which the Christian clergy can recapture the lost confidence of Christians.
As effective spiritual leaders they cannot function without this lost confidence. They should make that their first order of business.

My dear Dr. Goldstein, you are a theologian of high rank and a historian of note. Of necessity you also should agree with other outstanding authorities on the subject of whether "Jesus was a Jew." These leading authorities agree today that there is no foundation in fact for the implications, inferences and the innuendoes resulting from the incorrect belief that "Jesus was a Jew". Incontestable historic facts and an abundance of other proofs establish beyond the possibility of any doubt the incredibility of the assertion so often heard today that "Jesus was a Jew".

Without any fear of contradiction based upon fact the most competent and best qualified authorities all agree today that Jesus Christ was not a so-called or self-styled "Jew". They do confirm that during His lifetime Jesus was known as a "Judean" by His contemporaries and not as a "Jew", and that Jesus referred to Himself as a "Judean" and not as a "Jew". During His lifetime here on earth Jesus was referred to by contemporary historians as a "Judean" and not as a "Jew." Contemporary theologians of Jesus whose competence to pass upon this subject cannot challenge by anyone today also referred to Jesus during his lifetime here on earth as a "Judean" and not as a "Jew".

Inscribed upon the Cross when Jesus was Crucified were the Latin words "Iesus Nazarenus Rex Iudeorum". Pontius Pilate's mother-tongue. No one will question the fact that Pontius Pilate was well able to accurately express his own ideas in his own mother-tongue. The authorities competent to pass upon the correct translation into English of the Latin "Iesus Nazarenus Rex Iudeorum" agree that it is "Jesus of Nazarene Ruler of the Judeans." There is no disagreement upon that by them.

During His lifetime here on earth Jesus was not regarded by Pontius Pilate nor by the Judeans among whom He dwelt as "King of the Jews". The inscription on the Cross upon which Jesus was Crucified has been incorrectly translated into the English language only since the 18th century. Pontius Pilate was ironic and sarcastic when he ordered inscribed upon the Cross the Latin words "Iesus Nazarenus Rex Iudeorum". About to be Crucified, with the approval of Pontius Pilate, Jesus was being mocked by Pontius Pilate. Pontius Pilate was well aware at that time that Jesus had been denounced, defied and denied by the Judeans who alas finally brought about His Crucifixion as related by history.

Except for His few followers at that time in Judea all other Judeans abhorred Jesus and detested His teachings and the things for which He stood. That deplorable fact cannot be erased from history by time. Pontius Pilate was himself the "ruler" of the Judeans at the time he ordered inscribed upon the Cross in Latin words "Iesus Nazarenus Rex Iudeorum", In English "Jesus the Nazarene Ruler of the Judeans". But Pontius Pilate never referred to himself as "ruler" of the Judeans. The ironic and sarcastic reference of Pontius Pilate to Jesus as "Ruler of the Judeans" can hardly be accepted as recognition by Pontius Pilate of Jesus as "Ruler of the Judeans". That is inconceivable by any interpretation.

At the time of the Crucifixion of Jesus Pontius Pilate was the administrator in Judea for the Roman Empire. At that time in history the area of the Roman Empire included a part of the Middle East. As far as he was concerned officially or personally the inhabitants of Judea were "Judeans" to Pontius Pilate and not so- called "Jews" as they have been styled since the 18th century. In the time of Pontius Pilate and not so-called "Jews" as they have been styled since the 18th century. In the time of Pontius Pilate in history there was no religious, racial or national group in Judea known as "Jews" nor had there been any group so identified anywhere else in the world prior to that time.

Pontius Pilate expressed little interest as the administrator of the Roman Empire officially or personally in the wide variety of forms of religious worship then practiced in Judea. These forms of religious worship extended from phallic worship and other forms of idolatry to the emerging spiritual philosophy of an eternal, omnipotent and invisible Divine deity, the emerging Yahve (Jehovah) concept which predated Abraham of Bible fame by approximately 2000 years. As the administrator for the Roman Empire in Judea it was the official policy of Pontius Pilate never to interfere in the spiritual affairs of the local population. Pontius Pilate's primary responsibility was the collection of taxes to be forwarded home to Rome, not the forms of religious worship practiced by the Judeans from whom those taxes were collected.

As you well know, my dear Dr. Goldstein, the Latin word "rex" means "ruler, leader" in English. During the lifetime of Jesus in Judea the Latin word "rex" meant only that to Judeans familiar with the Latin language. The Latin word "rex" is the Latin verb "rego, regere, rexi, rectus" in English means as you also well know "to rule, to lead". Latin was of course the official language in all the provinces administered by a local administrator of the Roman Empire. This fact accounts for the inscription on the Cross in Latin.

With the invasion of the British Isles by the Anglo-Saxons, the English language substituted the Anglo-Saxon "king" for the Latin equivalent "rex" used before the Anglo-Saxon invasion. The adoption of "king" for "rex" at this late date in British history did not retroactively alter the meaning of the Latin "rex" to the Judeans in the time of Jesus. The Latin "rex" to them then meant only "ruler, leader" as it still means in Latin. Anglo-Saxon "king" was spelled differently when first used but at all times meant the same as "rex" in Latin, "leader" of a tribe.

During the lifetime of Jesus it was very apparent to Pontius Pilate that Jesus was the very last Person in Judea the Judeans would select as their "ruler" or their "leader". In spite of this situation in Judea Pontius Pilate did not hesitate to order the inscription of the Cross "Iesus Nazarenus Rex Iudeorum". By the wildest stretch of the imagination it is not conceivable that this sarcasm and irony by Pontius Pilate at the time of the Crucifixion was not solely mockery of Jesus by Pontius Pilate and only mockery. After this reference to "Jesus the Nazarene Ruler of the Judeans" the Judeans forthwith proceeded to Crucify Jesus upon that very Cross.

In Latin in the lifetime of Jesus the name of the political subdivision in the Middle East known in modern history as Palestine was "Iudaea". It was then administered by Pontius Pilate as administrator for the Roman Empire of which it was then a part.
The English for the Latin "Iudaea" is "Judea". English "Judean" is the adjective for the noun "Judea". The ancient native population of the subdivision in the Middle East known in modern history as Palestine was then called "Iudaeus" in Latin and "Judean" in English. Those words identified the indigenous population of Judea in the lifetime of Jesus. Who can deny that Jesus was a member of the indigenous population of Judea in His lifetime?

And of course you know, my dear Dr. Goldstein, in Latin the Genitive Plural of "Iudaeus" is "Iudaeorum". The English translation of the Genitive Plural of "Iudaeorum" is "of the Judeans". It is utterly impossible to give any other English translation to "Iudaeorum" than "of the Judeans". Qualified and competent theologians and historians regard as incredible any other translation into English of "Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum" than "Jesus the Nazarene Ruler of the Judeans". You must agree that this is literally correct.

At the time Pontius Pilate was ordering the "Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum" inscribed upon the Cross the spiritual leaders of Judea were protesting to Pontius Pilate "not to write that Jesus was the ruler of the Judeans" but to inscribe instead that Jesus "had said that He was the ruler of the Judeans". The spiritual leaders of Judea made very strong protests to Pontius Pilate against his reference to Jesus as "Rex Iudaeorum" insisting that Pontius Pilate was not familiar with or misunderstood the status of Jesus in Judea. These protests are a matter of historical record, as you know.

The spiritual leaders in Judea protested in vain with Pontius Pilate. They insisted that Jesus "had said that He was the ruler of the Judeans" but that Pontius Pilate was "not to write that Jesus was the ruler of the Judeans". For after all Pontius Pilate was a foreigner in Judea who could not understand the local situations as well as the spiritual leaders. The intricate pattern of the domestic political, social and economic cross-currents in Judea interested Pontius Pilate very little as Rome's administrator.

The Gospel by John was written originally in the Greek language according to the best authorities. In the Greek original there is no equivalent for the English that Jesus "had said that He was the ruler of the Judeans". The English translation of the Greek original of the Gospel by John, XIX, 19, reads "Do not inscribe 'the monarch (basileus) of the Judeans (Ioudaios), but that He Himself said I am monarch (basileus) of the Judeans (Ioudaios)' ".
"Ioudaia" is the Greek for the Latin for "basileus" in Greek. The English "ruler", or its alternative "leader", define the sense of Latin "rex" and Greek "basileus" as they were used in the Greek and Latin Gospel of John.

Pontius Pilate "washed his hands" of the protests by the spiritual leaders in Judea who demanded of him that the inscription on the Cross authored by Pontius Pilate be corrected in the manner they insisted upon. Pontius Pilate be corrected in the manner they insisted upon. Pontius Pilate very impatiently replied to their demands "What I have written, I have written." The inscription on the Cross remained what it had been, "Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum", or "Jesus the Nazarene Ruler of the Judeans" in English.

The Latin quotations and words mentioned in this letter are verbatim quotations and the exact words which appear in the 4th century translation of the New Testament into Latin by St. Jerome.
This translation is referred to as the Vulgate Edition of the New Testament. It was the first official translation of the New Testament into Latin made by the Christian Church. Since that time it has remained the official New Testament version used by the Catholic Church. The translation of the Gospel of John into Latin by St. Jerome was made from the Greek language in which the Gospel of John was originally written according to the best authorities on this subject.

The English translation of the gospel by John XIX, 19, from the original text in the Greek language reads as follows, "Pilate wrote a sign and fastened it to the Cross and the writing was "Jesus the Nazarene the monarch of the Judeans' ". In the original Greek manuscript there is mention also made of the demands upon Pontius Pilate by the spiritual leaders in Judea that Pontius Pilate alter the reference on the Cross to Jesus as "Ruler of the Judeans".
The Greek text of the original manuscript of the Gospel by John establishes beyond any question or doubt that the spiritual leaders in Judea at that time had protested to Pontius Pilate that Jesus was "not the ruler of the Judeans" but only "had said that He was the ruler of the Judeans".

There is no factual foundation in history or theology today for the implications, inferences and innuendoes that the Greek "Ioudaios", the Latin "Iudaeus", or the English "Judean:" ever possessed a valid religious connotation. In their three respective languages these three words have only indicated a strictly topographical or geographical connotation. In their correct sense these three words in their respective languages were used to identify the members of the indigenous native population of the geographic area known as Judea in the lifetime of Jesus. During the lifetime of Jesus there was not a form of religious worship practiced in Judea or elsewhere in the known world which bore a name even remotely resembling the name of the political subdivision of the Roman Empire; i.e., "Judaism" from "Judea". No cult or sect existed by such a name.

It is an incontestable fact that the word "Jew" did not come into existence until the year 1775. Prior to 1775 the word "Jew" did not exist in any language. The word "Jew" was introduced into the English for the first time in the 18th century when Sheridan used it in his play "The Rivals", II,i, "She shall have a skin like a mummy, and the beard of a Jew". Prior to this use of the word "Jew" in the English language by Sheridan in 1775 the word "Jew" had not become a word in the English language. Shakespeare never saw the word "Jew" as you will see. Shakespeare never used the word "Jew" in any of his works, the common general belief to the contrary notwithstanding. In his "Merchant of Venice", V.III.i.61, Shakespeare wrote as follows: "what is the reason? I am a Iewe; hath not a Iewe eyes?".

In the Latin St. Jerome 4th century Vulgate Edition of the New Testament Jesus is referred to by the Genitive Plural of "Iudaeus" in the Gospel of John reference to the inscription on the Cross, - "Iudaeorum". It was in the 4th century that St. Jerome translated into Latin the manuscripts of the New Testament from the original languages in which they were written. This translation by St. Jerome is referred to still today as the Vulgate Edition by the Roman Catholic Church authorities, who use it today.

Jesus is referred as a so-called "Jew" for the first time in the New Testament in the 18th century. Jesus is first referred to as a so-called "Jew" in the revised 18th century editions in the English language of the 14th century first translations of the New Testament into English. The history of the origin of the word "Jew" in the English language leaves no doubt that the 18th century "Jew" is the 18th century contracted and corrupted English word for the 4th century Latin "Iudaeus" found in St. Jerome's Vulgate Edition. Of that there is no longer doubt.

The available manuscripts from the 4th century to the 18th century accurately trace the origin and give the complete history of the word "Jew" in the English language. In these manuscripts are to be found all the many earlier English equivalents extending through the 14 centuries from the 4th to the 18th century. From the Latin "Iudaeus" to the English "Jew" these English forms included successively: "Gyu", "Giu", "Iu", "Iuu", "Iuw", "Ieuu", "Ieuy", "Iwe", "Iow", "Iewe", "leue", "Iue", "Ive", "lew", and then finally in the 18th century, "Jew". The many earlier English equivalents for "Jews" through the 14 centuries are "Giwis", "Giws", "Gyues", "Gywes", "Giwes", "Geus", "Iuys", "Iows", "Iouis", "Iews", and then also finally in the 18th century, "Jews".

With the rapidly expanding use in England in the 18th century for the first time in history of the greatly improved printing presses unlimited quantities of the New Testament were printed.
These revised 18th century editions of the earlier 14th century first translations into the English language were then widely distributed throughout England and the English speaking world among families who had never possessed a copy of the New Testament in any language. In these 18th century editions with revisions the word "Jew" appeared for the first time in any English translations. The word "Jew" as it was used in the 18th century editions has since continued in use in all elections of the New Testament in the English language. The use of the word "Jew" thus was stabilized.

As you know, my dear Dr. Goldstein, the best known 18th century editions of the New Testament in English are the Rheims (Douai) Edition and the King James Authorized Edition. The Rheims (Douai) translation of the New Testament into English was first printed in 1582 but the word "Jew" did not appear in it. The King James Authorized translation of the New Testament into English was begun in 1604 and first published in 1611. The word "Jew" did not appear in it either. The word "Jew" appeared in both these well known editions in their 18th century revised versions for the first times.

Countless copies of the revised 18th century editions of the Rheims (Douai) and the King James translations of the New Testament into English were distributed to the clergy and the laity throughout the English speaking world. They did not know the history of the origin of the English word "Jew" nor did they care.
They accepted the English word "Jew" as the only and as the accepted form of the Latin "Iudaeus" and the Greek "Ioudaios".
How could they be expected to have known otherwise? The answer is they could not and they did not. It was a new English word to them.

When you studied Latin in your school days you were taught that the letter "I" in Latin when used as the first letter in a word is pronounced like the letter "Y" in English when it is the first letter in words like "yes", "youth" and "yacht". The "I" in "Iudaeus" is pronounced like the "Y" in "yes", "youth", and "yacht" in English. In all the 4th century to 18th century forms for the 18th century "Jew" the letter "I" was pronounced like the English "Y" in "yes", "youth", and "yacht". The same is true of the "Gi" or the "Gy" where it was used in place of the letter "I".

The present pronunciation of the word "Jew" in modern English is a development of recent times. In the English language today the "J" in "Jew" is pronounced like the "J" in the English "justice", "jolly", and "jump". This is the case only since the 18th century. Prior to the 18th century the "J" in "Jew" was pronounced exactly like the "Y" in the English "yes", "youth", and "yacht".
Until the 18th century and perhaps even later than the 18th century the word "Jew" in English was pronounced like the English "you" or "hew", and the word "Jews" like "youse" or "hews". The present pronunciation of "Jew" in English is a new pronunciation acquired after the 18th century.

The German language still retains the Latin original pronunciation. The German "Jude" is the German equivalent of the English "Jew". The "J" in the German "Jude" is pronounced exactly like the English "Y" in "yes", "youth", and "yacht". The German "J" is the equivalent of the Latin "I" and both are pronounced exactly like the English "Y" in "yes", "youth" and "yacht". The German "Jude" is virtually the first syllable of the Latin "Iudaeus" and is pronounced exactly like it. The German "Jude" is the German contraction and corruption of the Latin "Iudaeus" just as the English "Jew" is the contraction and corruption of the Latin "Iudaeus". The German "J" is always pronounced like the English "Y" in "yes", "youth", and "yacht" when it is the first letter of a word. The pronunciation of the "J" in German "Jude" is not an exception to the pronunciation of the "J" in German.
The English language as you already know, my dear Dr. Goldstein, is largely made up of words adopted from foreign languages. After their adoption by the English language foreign words were then adapted by contracting their spelling and corrupting their foreign pronunciation to make them more easily pronounced in English from their English spelling. This process of first adopting foreign words and then adapting them by contracting their spelling and corrupting their pronunciation resulted in such new words in the English language as "cab" from the French "cabriolet" and many thousands of other words similarly from their original foreign spelling. Hundreds of others must come to your mind.

By this adopting-adapting process the Latin "Iudacus" and the Greek "Ioudaios" finally emerged in the 18th century as "Jew" in the English language. The English speaking peoples struggled through 14 centuries seeking to create for the English language an English equivalent for the Latin "Iudaeus" and the Greek "Ioudaios" which could be easily pronounced in English from its English spelling. The English "Jew" was the resulting 18th century contracted and corrupted form of the Latin "Iudaeus" and the Greek "Ioudaios". The English "Jew" is easily pronounced in English from its English spelling. The Latin "Iudaeus" and the Greek "Ioudaios" cannot be as easily pronounced in English from the Latin and Greek spelling. They were forced to coin a word.

The earliest version of the New Testament in English from the Latin Vulgate Edition is the Wyclif, or Wickliffe Edition published in 1380. In the Wyclif Edition Jesus is there mentioned as One of the "iewes". That was the 14th century English version of the Latin "Iudaeus" and was pronounced "hew-weeze", in the plural, and "iewe" pronounced "hew-wee" in the singular. In the 1380 Wyclif Edition in English the Gospel by John, XIX.19, reads "Ihesus of nazareth kyng of the iewes". Prior to the 14th century the English language adopted the Anglo-Saxon "kyng" together with many other Anglo-Saxon words in place of the Latin "rex" and the Greek "basileus". The Anglo-Saxon also meant "tribal leader".

In the Tyndale Edition of the New Testament in English published in 1525 Jesus was likewise described as One of the "Iewes". In the Coverdale Edition published in 1535 Jesus was also described as One of the "Iewes". In the Coverdale Edition the Gospel by John, XIX.19, reads "Iesus the Nazareth, kynge of the "Iewes". In the Cranmer Edition published in 1539 Jesus was again described as One of the "Iewes". In the Geneva Edition published in 1540-1557 Jesus was also described as One of the "Iewes". In the Rheims Edition published in 1582 Jesus was described as One of the "Ievves". In the King James Edition published in 1604-1611 also known as the Authorized Version Jesus was described again as one of the "Iewes". The forms of the Latin "Iudaeus" were used which were current at the time these translations were made.

The translation into English of the Gospel by John, XIX.19, from the Greek in which it was originally written reads "Do not inscribe `the monarch of the Judeans' but that He Himself said `I am monarch' ". In the original Greek manuscript the Greek "basileus" appears for "monarch" in the English and the Greek "Ioudaios" appears for "Judeans" in the English. "Ioudaia" in Greek is "Judea" in English.
"Ioudaios" in Greek is "Judeans" in English. There is no reason for any confusion.

My dear Dr. Goldstein, if the generally accepted understanding today of the English "Jew" and "Judean" conveyed the identical implications, inferences and innuendoes as both rightly should, it would make no difference which of these two words was used when referring to Jesus in the New Testament or elsewhere.
But the implications, inferences, and innuendoes today conveyed by these two words are as different as black is from white. The word "Jew" today is never regarded as a synonym for "Judean" nor is "Judean" regarded as a synonym for "Jew".

As I have explained, when the word "Jew" was first introduced into the English language in the 18th century its one and only implication, inference and innuendo was "Judean". However during the 18th, 19th and 20th centuries a well-organized and well- financed international "pressure group" created a so-called "secondary meaning" for the word "Jew" among the English- speaking peoples of the world. This so-called "secondary meaning" for the word "Jew" bears no relation whatsoever to the 18th century original connotation of the word "Jew". It is a misrepresentation.

The "secondary meaning" of the word "Jew" today bears as little relation to its original and correct meaning as the "secondary meaning" today as for the word "camel" bears to the original and correct meaning of the word "camel", or the "secondary meaning" for the word "ivory" bears to the original and correct meaning of the word "ivory". The "secondary meaning" today for the word "camel" is a cigarette by that name but its original and correct meaning is a desert animal by that ancient name. The "secondary meaning" of the word "ivory" today is a piece of soap but its original and correct meaning is the tusk of a male elephant.

The "secondary meaning" of words often become the generally accepted meanings of words formerly having entirely different meanings. This is accomplished by the expenditure of great amounts of money for well-planned publicity. Today if you ask for a "camel" someone will hand you a cigarette by that name.
Today if you ask for a piece of "ivory" someone will hand you a piece of soap by that name. You will never receive either a desert animal or a piece of the tusk of a male elephant. That must illustrate the extent to which these "secondary meanings" are able to practically eclipse the original and correct meanings of words in the minds of the general public. The "secondary meaning" for the word "Jew" today has practically totally eclipsed the original and correct meaning of the word "Jew" when it was introduced as a word in the English language. This phenomena is not uncommon.

The United States Supreme Court has recognized the "secondary meaning" of words. The highest court in the land has established as basic law that "secondary meanings" can acquire priority rights to the use of any dictionary word. Well-planned and well-financed world-wide publicity through every available media by well-organized groups of so-called or self-styled "Jews" for three centuries has created a "secondary meaning" for the word "Jew" which has completely "blacked out" the original and correct meaning of the word "Jew". There can be no doubt about that.

There is not a person in the whole English-speaking world today who regards a "Jew" as a "Judean" in the literal sense of the word. That was the correct and only meaning in the 18th century.
The generally accepted "secondary meaning" of the word "Jew" today with practically no exceptions is made up of four almost universally-believed theories. These four theories are that a so- called or self-styled "Jew" is (1) a person who today professes the form of religious worship known as "Judaism", (2) a person who claims to belong to a racial group associated with the ancient Semites, (3) a person directly the descendant of an ancient nation which thrived in Palestine in Bible history, (4) a person blessed by Divine intentional design with certain superior cultural characteristics denied to other racial, religious or national groups, all rolled into one.

The present generally accepted "secondary meaning" of the word "Jew" is fundamentally responsible for the confusion in the minds of Christians regarding elementary tenets of the Christian faith. It is likewise responsible today to a very great extent for the dilution of the devotion of countless Christians for their Christian faith. The implications, inferences and innuendoes of the word "Jew" today, to the preponderant majority of intelligent and informed Christians, is contradictory and in complete conflict with incontestable historic fact. Christians who cannot be fooled any longer are suspect of the Christian clergy who continue to repeat, and repeat, and repeat ad nauseam their pet theme song "Jesus was a Jew". It actually now approaches a psychosis.

Countless Christians know today that they were "brain washed" by the Christian clergy on the subject "Jesus was a Jew".
The resentment they feel is not yet apparent to the Christian clergy. Christians now are demanding from the Christian clergy, "the truth, the whole truth, and nothing but the truth". It is now time for the Christian clergy to tell Christians what they should have told them long ago. Of all religious groups in the world Christians appear to be the least informed of any on the subject. Have their spiritual leaders been reckless with the truth?

Countless intelligent and informed Christians no longer accept unchallenged assertions by the Christian clergy that Jesus in His lifetime was a Member of a group in Judea which practiced a religious form of worship then which is today called "Judaism", or that Jesus in His lifetime here on earth was a Member of the racial group which today includes the preponderant majority of all so- called or self-styled "Jews" in the world, or that the so-called or self-styled "Jews" throughout the world today are the lineal descendants of the nation in Judea of which Jesus was a national in His lifetime here on earth, or that the cultural characteristics of so- called or self-styled "Jews" throughout the world today correspond with the cultural characteristics of Jesus during His lifetime here on earth and His teachings while He was here on earth for a brief stay.
Christians will no longer believe that the race, religion, nationality and culture of Jesus and the race, religion, nationality and culture of so-called or self-styled "Jews" today or their ancestors have a common origin or character.

The resentment by Christians is more ominous than the Christian clergy suspect. Under existing conditions the Christian clergy will find that ignorance is not bliss, nor wisdom folly.
Christians everywhere today are seeking to learn the authentic relationship between the so-called or self-styled "Jews" through-out the world today and the "Judeans" who populated "Judea" before, during and after the time of Jesus. Christians now insist that they be told correctly by the Christian clergy about the racial, religious, national and cultural background of the so-called or self-styled "Jews" throughout the world today and the basis for associating these backgrounds with the racial, religious, national and cultural background of Jesus in His lifetime in Judea. The intelligent and informed Christian are alerted to the exploded myth that the so- called or self-styled "Jews" throughout the world today are the direct descendants of the "Judeans" amongst whom Jesus lived during His lifetime here on earth.

Christians today are also becoming more and more alerted day by day why the so-called or self-styled "Jews" throughout the world for three centuries have spent uncounted sums of money to manufacture the fiction that the "Judeans" in the time of Jesus were "Jews" rather than "Judeans", and that "Jesus was a Jew".
Christians are becoming more and more aware day by day of all the economic and political advantages accruing to the so-called or self- styled "Jews" as a direct result of their success in making Christians believe that "Jesus was a Jew" in the "secondary meaning" they have created for the 18th century word "Jew". The so-called or self-styled "Jews" throughout the world today represent themselves to Christians as "Jews" only in the "secondary meaning" of the word "Jew". They seek to thereby prove their kinship with Jesus.
They emphasize this fiction to Christians constantly. That fable is fast fading and losing its former grip upon the imaginations of Christians.

To allege that "Jesus was a Jew" in the sense that during His lifetime Jesus professed and practiced the form of religious worship known and practiced under the modern name of "Judaism" is false and fiction of the most blasphemous nature. If to be a so- called or self-styled "Jew" then or now the practice of "Judaism" was a requirement then Jesus certainly was not a so-called "Jew".
Jesus abhorred and denounced the form of religious worship practiced in Judea in His lifetime and which is known and practiced today under its new name "Judaism". That religious belief was then known as "Pharisiasm". The Christian clergy learned that in their theological seminary days but they have never made any attempt to make that clear to Christians.

The eminent Rabbi Louis Finkelstein, the head of The Jewish Theological Seminary of America, often referred to as "The Vatican of Judaism", in his Foreword to his First Edition of his world-famous classic "The Pharisees, The Sociological Background of Their Faith", on page XXI states:

"...Judaism...Pharisiasm became Talmudism, Talmudism became Medieval Rabbinism, and Medieval Rabbinism became Modern Rabbinism. But throughout these changes in name...the spirit of the ancient Pharisees survives, unaltered...From Palestine to Babylonia; from Babylonia to North Africa, Italy, Spain, France and Germany; from these to Poland, Russia, and eastern Europe generally, ancient Pharisaism has wandered...demonstrates the enduring importance which attaches to Pharisaism as a religious movement..."

The celebrated Rabbi Louis Finkelstein in his great classic quoted from above traces the origin of the form of religious worship practiced today under the present name "Judaism", to its origin as "Pharisaism" in Judea in the time of Jesus. Rabbi Louis Finkelstein confirms what the eminent Rabbi Adolph Moses states in his great classic "Yahvism, and Other Discourses", in collaboration with the celebrated Rabbi H.G. Enlow, published in 1903 by the Louisville Section of the Council of Jewish Women, in which Rabbi Adolph Moses, on page 1, states:

"Among the innumerable misfortunes which have befallen...the most fatal in its consequences is the name Judaism...Worse still, the Jews themselves, who have gradually come to call their religion Judaism...Yet, neither in biblical nor post-biblical, neither in talmudic, nor in much later times, is the term Judaism ever heard...the Bible speaks of the religion...as "Torah Yahve", the instruction, or the moral law revealed by Yahve...in other places...as "Yirath Yahve", the fear and reverence of Yahve. These and other appellations CONTINUED FOR MANY AGES TO STAND FOR THE RELIGION...To distinguish it from Christianity and Islam, the Jewish philosophers sometimes designate it as the faith or belief of the Jews...IT WAS FLAVIUS JOSEPHUS, WRITING FOR THE INSTRUCTION OF GREEKS AND ROMANS, WHO COINED THE TERM JUDAISM, in order to pit it against Hellenism...by Hellenism was understood the civilization, comprising language, poetry, religion, art, science, manners, customs, institutions, which...had spread from Greece, its original home, over vast regions of Europe, Asia and Africa...The Christians eagerly seized upon the name...the Jews themselves, who intensely detested the traitor Josephus, refrained from reading his works...HENCE THE TERM JUDAISM COINED BY JOSEPHUS REMAINED ABSOLUTELY UN- KNOWN TO THEM...IT WAS ONLY IN COMPARATIVELY RECENT TIMES, AFTER THE JEWS BECAME FAMILIAR WITH MODERN CHRISTIAN LITERATURE, THAT THEY BEGAN TO NAME THEIR RELIGION JUDAISM." (emphasis supplied).

This statement by the world's two leading authorities on this subject clearly establishes beyond any question or any doubt that so-called "Judaism" was not the name of any form of religious worship practiced in Judea in the time of Jesus. The Flavius Josephus referred to in the above quotation lived in the 1st century.
It was he who coined the word "Judaism" in the 1st century explicitly for the purpose recited clearly above. Religious worship known and practiced today under the name of "Judaism" by so- called or self-styled "Jews" throughout the world was known and practiced in Judea in the time of Jesus under the name "Pharisaism" according to Rabbi Louis Finkelstein, head of the Jewish Theological Seminary of America, and all the other most competent and qualified recognized authorities on the subject.
PART TWO: TALMUDIC PHARISAISM

   The ROOT of the NEW WORLD ORDER!



IaHUShUA
"Per cercare ciò che era perduto ..."
Vi presentiamo queste informazioni come un servizio ai nostri lettori ... Il suo inserimento non deve essere interpretato come degli Autori o dei relè avallo delle nostre convinzioni ... o come la nostra approvazione di loro .. la verità starà su di essa la propria Merit .

Trovato su: La Home Page RCathList . (Suprise!) Scarica il file in formato. Txt ... Autoestraente 79.2K factsar.exe.

"Sono dunque diventato vostro nemico, perché ti dico la verità?"
Galati 4:16

"I fatti sono fatti"
  • I fatti storici rivelate qui per la prima volta fornire la prova incontestabile che
    la loro continua repressione si dimostrerà ostile alla sicurezza della nazione, la pace
    del mondo, il benessere dell'umanità e il progresso della civiltà. Una riproduzione in facsimile ristampato e impaginato a soddisfare le numerose richieste di una copia della lettera indirizzata a: DR. David Goldstein, dottore in legge, di Boston, Mass. dal suo autore BENJAMIN H. ROSSETTO di New York City datata 10 ottobre 1954







    DEDICA
    • a tutti gli uomini di buona volontà
      di tutte le origini razziali e
      di tutte le fedi religiose conoscenza è una raccolta di fatti. Sapienza è l'uso della conoscenza. Senza fatti non c'è conoscenza. Senza conoscenza non c'è saggezza. fatti impedire ciò che non può curare. I fatti sono migliore meccanismo dell'uomo difesa. Senza di loro degli uomini fumble, vacillare e falliscono. Senza loro nazioni declino e caduta. Sapienza vince le guerre prima di iniziare. Knowledge interrompe le ostilità nazionali. Sapienza ovvia antipatie razziali. conoscenza cancella animosità religiose. emancipazione dalla pace bigottismo prefazioni .intolleranza prende tutto e dà nulla. premi Pace reciproco rispetto e riguardo. tutti gli uomini di buona volontà, "Pax Vobiscum!" - Benjamin H. Freedman



















LA VERITÀ SULLA Kazari
960 Park Avenue.
New York City
ottobre Decima, 1954. Special Delivery Dr. David Goldstein LL.D., Astor Post Office Station, Boston, Massachusetts. My Dear Dr. Goldstein, I vostri successi molto importanti, come un convertito al cattolicesimo impressionarmi come senza un parallelo simile nella storia moderna. La vostra devozione alla dottrina e dei dogmi della Chiesa Cattolica Romana sfidano ogni tentativo di descrizione da me solo a parole. Le parole mi mancano per questo.come protagonista vigorosa preservando così persistentemente nel diffondere i principi della Chiesa Cattolica Romana,-i suoi scopi, le sue politiche, i suoi programmi, la vostra determinazione - Dauntless è l'ispirazione per innumerevoli altri che coraggiosamente cercano di seguire il passi. In considerazione di questo fatto richiede grande coraggio per me scrivere a voi come sto per fare. Quindi vi prego di ricevere questa comunicazione da me si cercherà di tenere a mente Galati 4:16 "Sono Perciò si diventa nemico, perché ti dico la verità?" Spero che così mi favoriscono. E 'veramente una fonte di grande piacere e gratificazione reale per salutarvi finalmente, anche se di necessità per corrispondenza. E 'piuttosto una delusione per me fare la vostra conoscenza in questo modo. Sarebbe ora mi offrono un piacere di gran lunga più grande e un grande privilegio, anche se invece potessi vi saluto in questa occasione in prima persona. nostro carissimo amico comune ha avuto sempre una pianificazione di un incontro con voi in persona per me. Mi vuole ancora farlo. Attendo con trepidazione piacevole fare questo in un futuro non troppo lontano in un momento piacevole con te. Scoprirete nei contenuti di questa lunga lettera prove valide per l'urgenza da parte mia di comunicare con voi senza ulteriori indugi. Potrete inoltre scoprire questa urgenza riflette la gravità attuale della crisi che mette a repentaglio ora una continuità ininterrotta della fede cristiana nella sua lotta fino a quando la forza più efficace spirituale e sociale del mondo nella missione divina di promuovere il benessere di tutta l'umanità, senza riguardo per le loro corse diversificate, religioni e nazionalità. tuo articolo più recente venuta alla mia attenzione è apparso nel numero di settembre di 'The Bulletin APJ', la pubblicazione ufficiale dell'organizzazione che si fanno chiamare L'Arciconfraternita di preghiera per la pace e amicizia a Israele. Il titolo del tuo articolo, 'News and Views di ebrei ", e lo scopo dell'organizzazione indicato nella testata della pubblicazione," per promuovere l'interesse nella Apostalate a Israele "mi spinge a prendere tempo con il suo ciuffo Padre e prontamente offrono i miei commenti. Chiedo la vostra indulgenza di conseguenza. E 'con riluttanza che metto i miei commenti in forma di lettera. Ho esitato a farlo, ma trovo l'unica cosa utile da fare in quelle circostanze.Mi permetto di sottoporle a voi ora senza riserve di qualsiasi natura per la vostra considerazione immediata e seria. E 'mio augurio più sincero che li accetti lo spirito amichevole in cui sono state presentate. E 'anche la mia speranza che darete la vostra considerazione a loro e favorire me con la vostra risposta iniziale con lo stesso spirito amichevole per la quale vi ringrazio in anticipo. Nell'interesse di tale obiettivo degno a cui si stanno continuando a dedicare gli anni avanti come hai fatto così diligentemente per molti decenni, che più rispettosamente e sinceramente vi esorto a analizzare e studiare attentamente i dati presentati a voi qui. Suggerisco anche che poi prendere tutte le misure che riterrà opportuno e necessario come risultato delle vostre conclusioni. Nella guerra invisibile e intangibile ideologica condotta in difesa del grande patrimonio cristiano contro i suoi nemici dedicate il vostro atteggiamento positivo è fondamentale per la vittoria. Il tuo atteggiamento passivo darà un contributo negativo alla sforzo totale. È sicuramente sottoscrivere pienamente quel sentimento suono e sensata che "è meglio accendere una candela che stanno nelle tenebre". I miei tentativi solitari fino ad oggi "per dare luce a coloro che siedono nelle tenebre e nell'ombra" potrebbe rivelarsi non più successo con te di quello che hanno in molti altri casi in cui ho fallito nel corso degli ultimi trent'anni. Nel tuo caso mi sento piuttosto ottimista in questo momento. Anche se non completamente invano io vivo ancora nella speranza che un giorno di questi "candele" che scoppiò in fiamme come una scintilla lunga fumante e avviare una conflagrazione che spazzerà tutta la nazione come un fuoco prateria e illuminare vasti orizzonti nuovi per la prima volta. Quella speranza incrollabile è la fonte del coraggio che mi aiuta nella mia lotta contro le probabilità grandi a cui sono sottoposti sono per ovvie ragioni. E 'stato correttamente sostenuto da migliaia di anni che "la Verità fine prevale sempre." Sappiamo tutti che la Verità in se stessa azione può rivelarsi un potere dinamico di forza illimitata. Ma, ahimè, la Verità non ha self-starter. La verità non può scendere punto morto a meno che un insigne apostolo dà la verità una piccola spinta per superare la sua inerzia. Senza che la Verità partenza sarà stare fermi e non arriverà mai a destinazione previsto. La verità è spesso morivano aborning per questo motivo più logico. Il vostro aiuto in questo senso si rivelerà di grande valore. Sulla verità invece è molte volte stato completamente "oscurata" da ripetere menzogne ​​contraddittorie e conflittuali più e più volte, e ancora, e ancora. Storia recente del mondo rifornisce sobria testimonianza dei pericoli per la civiltà inerente a tale tecnica. Tale forma di tradimento al vero è tradimento per l'umanità. È necessario essere molto attenti, caro dottor Goldstein, non diventare involontariamente uno dei tanti accessori prima e dopo il fatto, che sono apparsi sulla scena della cosa pubblica negli ultimi anni. se involontariamente, a malincuore o involontariamente molti dei più noti della storia personaggi hanno travisato la verità al mondo e sono state così creduto che i puzzle della nostra generazione. Recentemente, nel 1492 il mondo è stato travisato come piatto da tutti i migliori presunte autorità in materia. Nel 1492 Cristoforo Colombo è stato in grado di dimostrare il contrario. Ci sono innumerevoli esempi analoghi nella storia del mondo. se queste autorità presunti colpevoli di ignoranza o indifferenza è qui il punto. Non è importante adesso. Erano o totalmente ignoranti dei fatti o conoscevano i fatti, ma ha scelto di rimanere in silenzio su questo argomento per ragioni non rivelate dalla storia. Una duplicazione di questa situazione esiste oggi rispetto alla crisi che affronta la fede cristiana. Si tratta di un fattore vitale oggi nella lotta per la sopravvivenza o la resa finale della fede cristiana ai suoi nemici. I tempi in cui viviamo sembra essere l '"ora zero" per la fede cristiana. Come avete osservato, nessuna istituzione nella nostra società moderna può sopravvivere a lungo se la sua struttura non è dal suo inizio eretta su un fondamento di verità. La fede cristiana fu eretta su una base molto solida della Verità dal suo Fondatore. Per sopravvivere deve rimanere così. Il deterioramento, la disintegrazione, e, infine, la distruzione della struttura della fede cristiana oggi sarà accelerato in ragione diretta nella misura in cui travisamento e la distorsione della verità diventano i sostituti della Verità. La verità è una qualità assoluta. La verità non può essere relativo. Non ci possono essere gradi a Verità. La verità esiste o non esiste. Per essere semi-vera è tanto incredibile da essere semi-onesto o di essere a metà leale. Come avete certamente imparato anche, caro dottor Goldstein, nel loro tentativo di fare un "once" di bene in una direzione ben molti persone intenzionate fare un "ton" del danno in un'altra direzione. Tutti impariamo la lezione prima o poi nella vita. Oggi si trova dedicando i vostri sforzi incessanti e la vostra energia instancabile al compito di portare la cosiddetta o sedicente "ebrei" nella Chiesa cattolica romana come convertiti. Si deve ricordare a voi molte volte il giorno tanti anni fa, quando hai abbracciato il cattolicesimo stesso come un convertito. Più potenza a voi e buona fortuna. possano i vostri sforzi ricompensati con grande successo. Senza di te diventando consapevoli del fatto, i metodi usati contribuiscono in non piccola misura alla diluizione della devozione dei cristiani innumerevoli per la loro fede cristiana. Per ogni "once" della cosiddetta buona a realizzare mediante conversione dei cosiddetti o sedicenti "ebrei" per la fede cristiana al tempo stesso fare un "ton" del danno in un'altra direzione diluendo la devozione di innumerevoli I cristiani per la loro fede cristiana. Questa conclusione audace da parte mia sia stata definita da me con la ferma convinzione e giusto che i fatti sostenere la mia tesi. Inoltre si tratta di un fatto ben noto che molte "false" conversioni recenti rivelano che le conversioni sono spesso rivelati, ma "infiltrazioni" di traditori latenti con intenzioni tradimento. Gli atteggiamenti si esprimono oggi e la vostra attività continua in questo lavoro richiede eventuale revisione alla luce dei fatti che vi viene presentato in questa lettera. La vostra filosofia e di teologia presenti su questo argomento merita sul serio, senza alcun indugio riconsiderazione, da parte vostra. Cosa dire o scrivere possono influenzare fortemente un "boom" o un "busto" per la fede cristiana nel prossimo futuro ben oltre la vostra capacità di valutare con precisione seduto in alto "bianca torre d'avorio". I cristiani credono implicitamente quello che hai scritto. Lo stesso vale per la cosiddetta o sedicente "ebrei" che si cerca di convertire. In questo modo si esercitare un'influenza può diventare un pericolo. Devo richiamare la vostra attenzione. La vostra reazione ai fatti chiamati alla vostra attenzione in questa lettera può rivelarsi uno dei verdetti più importanti mai raggiunti portano alla garanzia della fede cristiana negli ultimi secoli. In linea con questa grande responsabilità io sinceramente raccomando questo sentimento per te sperando che si studia seriamente il contenuto di questa lettera dalla sua prima parola la sua ultima parola. Tutti coloro che si sa che sono nella fortunata posizione di sapere come chiudere questo argomento è al vostro cuore. Con la vostra fedeltà agli alti ideali che abbiamo osservato durante i molti anni che hanno lavorato con coraggio in nome della fede cristiana si sono guadagnati l'ammirazione che ti piace. La fede cristiana si è scelto di tua spontanea volontà nel fiore della vita è molto orgoglioso di te in maniera più che come un convertito. Indipendentemente da ciò che chiunque e ovunque e in qualsiasi momento in questo mondo intero può dire il contrario, gli eventi degli ultimi anni stabilire in tutto il mondo di là di ogni questione di un dubbio che la fede cristiana si trova oggi con un piede nella fossa e l'altro su una buccia di banana in senso figurato ovviamente. Solo coloro che la pensano diversamente deliberatamente chiuso gli occhi alla realtà o che non hanno scelto di vedere anche con gli occhi spalancati. Io credo che tu sia troppo realistico indulgere nella follia futile di ingannare se stessi. E 'chiaro che la fede cristiana si trova oggi al crocevia del suo destino. La missione divina e più sacro della fede cristiana è in pericolo oggi ad un livello mai visto prima nella sua lunga storia di quasi 2000 anni. La fede cristiana ha bisogno di amici leali adesso come mai prima. In qualche modo sento che si può sempre contare su uno dei suoi amici fedeli. Non è possibile over-semplificare la situazione attuale della fede cristiana. Il problema si trova di fronte è troppo evidente per errore. E 'in una situazione critica. Quando arriva il giorno che i cristiani non possono più professare la loro fede cristiana come lo professano oggi nel mondo libero la fede cristiana hanno visto l'inizio dei suoi "ultimi giorni".Ciò che vale già il 50% della popolazione totale del mondo in breve tempo, si applicano anche al 100% della popolazione totale del mondo. E 'altamente ipotizzabile a giudicare dalle tendenze attuali. Il carattere maligno di questa malattia è altrettanto progressiva come il cancro. Sarà sicuramente rivelarsi tanto fatale anche se non si pone ora di invertire il suo corso. Quello che oggi è stato fatto arrestare il suo progresso verso o invertire il trend? Mio caro dottor Goldstein, si può ricordare il nome del filosofo che è citato come dicendo che: "Niente in questo mondo è permanente tranne il cambiamento?"Che la filosofia deve essere applicata alla fede cristiana anche. La domanda 64 dollari Resta da vedere se il cambiamento sarà in meglio o in peggio. Il problema è che semplice. Se l'attuale tendenza continuerà per altri 37 anni nella stessa direzione e alla stessa velocità percorsa negli ultimi 37 anni la fede cristiana come è professata oggi i cristiani sono scomparsi dalla faccia della terra. In quale forma o da ciò che strumentalità della missione di Gesù Cristo e, successivamente, Dopo di continuare a manifestarsi qui sulla terra è tanto imprevedibile quanto inevitabile. Nella crisi attuale non è né logico né realistico per cacciare i cristiani del cristiano " fold "in un numero relativamente alto per il vantaggio dubbia di ottenere portando un numero relativamente piccolo dei cosiddetti o sedicenti" ebrei "nel cristiano" fold ". E 'inutile cercare di negare il fatto che oggi trova la La fede cristiana sulla difesa di tutto il mondo. Questa realizzazione vacillare l'immaginazione dei pochi cristiani che capiscono la situazione. Questo stato della fede cristiana esiste a dispetto dei contributi magnifici della fede cristiana al progresso dell'umanità e della civiltà per quasi 2000 anni. Non è mia intenzione in questa lettera per esporre i congiurati, che si dedicano alla distruzione della fede cristiana né alla natura e la portata della stessa cospirazione. Che l'esposizione potrebbe riempire molti volumi. La storia del mondo per i secoli passati e gli eventi in corso in patria e all'estero confermano l'esistenza di una cospirazione. La rete mondiale di cospiratori diaboliche implementare questo complotto contro la fede cristiana, mentre i cristiani sembrano essere profondamente addormentato. Il clero cristiano sembrano essere più ignorante o più indifferenti questa cospirazione di altri cristiani. Essi sembrano nascondere la testa sotto le sabbie di ignoranza o indifferenza, come il leggendario struzzo. Questa ignoranza o l'indifferenza da parte del clero cristiano ha inferto un duro colpo per la fede cristiana già a partire dal quale non potrà mai recuperare completamente, se non del tutto. Sembra così triste.cristiani meritano di essere benedetti in questa crisi con un spirituale Paul Revere di attraversare i cristiani di avviso della nazione che i loro nemici si muovono su di loro velocemente. Mio caro dottor Goldstein, vi volontariamente di essere che Paul Revere? Di pari importanza to-pin che punta i nemici che stanno facendo guerra contro la fede cristiana dall'esterno è la necessità di scoprire le forze che agiscono all'interno della fede cristiana che rendono così vulnerabile ai suoi nemici all'esterno. te Applicando a questa fase specifica del problema in grado di dimostrare di enorme valore nel rendere inefficaci le forze responsabili di questo pericoloso stato di cose. Le anime di milioni di cristiani che sono totalmente sconosciuto si è piuttosto a disagio sullo stato della fede cristiana oggi. Le menti di migliaia e migliaia tra il clero cristiano sono turbato dal misterioso "pressione" dall'alto che impedisce loro di esercitare il loro giudizio sound in questa situazione. Se le forze di essere manipolati contro la fede cristiana dall'interno può essere interrotta la fede cristiana sarà in grado di stare ai suoi piedi contro i suoi nemici come la Rocca di Gibilterra. A meno che questo può essere fatto presto la fede cristiana sembra destinato a sgretolarsi ed a crollare alla fine. Un grammo di prevenzione è di gran lunga preferibile ad una libbra di cura si può essere sicuri in questa situazione come in tutti gli altri. Con tutto il rispetto dovuto al clero cristiano e in tutta umiltà, ho un dovere sgradevole da eseguire.Vorrei andare avanti record con voi qui che il clero cristiano sono in primo luogo, se non l'unico responsabile per le forze interne della fede cristiana ostile ai suoi migliori interessi. Questa conclusione da parte mia indica la somma totale di tutti i fatti del mio libro che aggiungere fino a questo. Se veramente il desiderio di essere realistico e costruttivo è necessario "sbozzare alla linea e lasciare che i trucioli cadono dove possono." Questa è l'unica strategia che può salvare la fede cristiana da un destino che non merita. Non è possibile figa piedi con la verità più semplicemente perché ci si accorge che ora "la verità fa male",-qualcuno che conosci o come. a questa tarda ora pochissimo tempo viene lasciato in cui per riparare i nostri recinti, se posso chiamarlo così . Non siamo in grado di perdere parte del nostro tempo limitato. "Vincere è intorno al cespuglio" adesso ci porteranno esattamente da nessuna parte. Il coraggioso da solo sopportare la crisi attuale quando tutte le chips sono giù. In senso figurato e, eventualmente, letteralmente, ci saranno gli eroi vivi e morti codardi, quando la polvere di questa lotta secolare si deposita e non gli eroi morti e codardi dal vivo come a volte accade in altre circostanze. La fede cristiana oggi rimane l'unica "ancora di bolina" contro la barbarie universale. I nemici dedicati della fede cristiana hanno sufficientemente convinto che il mondo da questo momento i metodi selvaggi essi adottano nel loro programma di cancellare la fede cristiana dalla faccia della terra. In precedenza in questa lettera ho affermato che a mio modesto parere l'apatia del clero cristiano potrebbe essere accusato di responsabilità per la diluizione crescente devozione di innumerevoli moltitudini di cristiani per la fede cristiana. Questa è la naturale conseguenza della confusione creata dal clero cristiano nelle menti dei cristiani in materia di fondamenti certi della fede cristiana. La colpa di questa confusione non si basa esclusivamente sulla leadership cristiana, i cristiani in generale. La confusione crea dubbio. Il dubbio crea perdita di fiducia. Perdita di fiducia crea perdita di interesse. Come la confusione cresce di più, di più, e più fiducia cresce meno, e meno, e meno. Il risultato è la perdita completa di ogni interesse. Difficilmente si può in disaccordo con questo, caro dottor Goldstein, è possibile? La confusione nelle menti dei cristiani riguardanti fondamenti della fede cristiana è indebita e ingiustificata. Ha bisogno di non esistere. Non esisterebbe se il clero cristiano non aiutare e favorire gli inganni che ne sono responsabili. Il clero cristiano può essere scioccato di apprendere che sono stati favoreggiamento dedicati i nemici della fede cristiana. Molti del clero cristiano sono in realtà i loro alleati, ma non può saperlo. Questa fase della corrente campagna mondiale di sabotaggio spirituale è il fattore più negativo per la difesa della fede cristiana. Innumerevoli cristiani in piedi ai margini di questa lotta vedere la loro fede cristiana "appassire sulla vite" e circa abbastanza maturi per " cadere in grembo "dei suoi nemici dedicati. Possono fare nulla. La loro coppa è resa più amara per loro che osservano questa indebita e ingiustificata questa ignoranza e l'indifferenza da parte del clero cristiano. Questo atteggiamento apatico dal clero cristiano non offre alcuna opposizione agli aggressori contro la fede cristiana. Retreat non può che portare sconfitta. Per ovviare resa ai loro nemici dedicati clero cristiano deve "About Face" immediatamente se si aspettano di diventare i vincitori nella guerra invisibile e intangibile ideologica ora in modo sovversivo mossa contro la fede cristiana sotto il loro naso. Quando si svegliano? Se mi si chiedesse di recitare in questa lettera i molti modi in cui il clero cristiano confondono il concetto cristiano dei fondamenti della fede cristiana che richiederebbe volumi piuttosto che le pagine per raccontare tutta la storia. Spazio solo mi costringe qui per limitarmi al minimo irriducibile. Mi limito qui per le ragioni più importanti per questa confusione. brevità sarà necessariamente limitare i riferimenti citati a sostegno delle questioni presentate in questa lettera. Farò del mio meglio, date le circostanze a stabilire l'autenticità dei fatti storici incontestabili io chiamo alla vostra attenzione qui. A mio parere il motivo più importante è direttamente correlata alle vostre attività presenti. La vostra responsabilità di questa confusione non viene meno per le vostre buone intenzioni. Come avete sentito dire tante volte "L'inferno è lastricata di buone intenzioni." La confusione di creare i vostri articoli è moltiplicato mille volte dalla ampia pubblicità data a loro come a causa della grande stima in cui personalmente sono tenuti da editori e lettori in tutta la nazione, cristiani e non cristiani. I vostri articoli costantemente vengono continuamente ristampati e citato da costa a costa. L'enunciato dal clero cristiano che confonde i cristiani il più è l'espressione costantemente ribadito che "Gesù era un Ebreo." Questo sembra anche essere il vostro tema preferito. Questo travisamento e la distorsione di un fatto storico incontestabile è pronunciata dal clero cristiano al momento il minimo pretesto. Lo pronunciare continuamente, anche senza provocazione. Sembrano essere "grilletto facile" per pronunciarla. Non hanno mai perdere l'occasione di farlo. Informati i cristiani intelligenti non si può conciliare questo travisamento davvero ingiustificata e la distorsione di un fatto incontestabile storico dal clero cristiano con le informazioni conosciute da loro ora al contrario che viene loro da fonti ritenute da loro di essere altrettanto affidabile. Questo pone un serio problema oggi il clero cristiano. Essi possono uscire dalla loro situazione presente ora solo ricorrendo a "la verità, tutta la verità, e nient'altro che la verità". Questa è l'unica formula con cui il clero cristiano può riconquistare la fiducia perduta dei cristiani. Come efficaci leader spirituali non possono funzionare senza la fiducia perduta. Dovrebbero fare il loro primo ordine del giorno. Mio caro dottor Goldstein, sei un teologo di alto rango e uno storico di nota. Di necessità si dovrebbe anche d'accordo con altre autorità in sospeso sul tema se "Gesù era un Ebreo." Le principali autorità concordano oggi nell'affermare che non vi è alcun fondamento, infatti, per le implicazioni, le illazioni e le insinuazioni derivanti dalla errata convinzione che "Gesù era un Ebreo". Incontestabili fatti storici e l'abbondanza di altre prove stabilire al di là della possibilità di alcun dubbio la incredibilità della affermazione di oggi così spesso sentito dire che "Gesù era un Ebreo". Senza timore di smentita sulla base infatti alle autorità più competenti e più qualificati tutti d'accordo oggi che Gesù Cristo non era una cosiddetta o sedicente "Ebreo". Fanno confermano che durante la sua vita Gesù era conosciuto come un "giudeo" dai suoi contemporanei e non come un "Ebreo", e che Gesù si riferiva a se stesso come un "giudeo" e non come un "Ebreo". Durante la sua vita qui sulla terra, Gesù fu denominato dagli storici contemporanei come un "giudeo" e non come un "Ebreo". Teologi contemporanei di Gesù, la cui competenza a passare su questo argomento non può impugnare da nessuno oggi anche riferimento a Gesù durante la sua vita qui sulla terra come un "giudeo" e non come un "Ebreo". Iscritta sulla Croce, quando Gesù fu crocifisso era il latino parole "Iesus Nazarenus Rex IUDERUM". Ponzio Pilato lingua madre. Nessuno contesta il fatto che Ponzio Pilato era ben in grado di esprimere con precisione le proprie idee nella propria lingua madre. Le autorità competenti per passare alla corretta traduzione in inglese del latino "Iesus Nazarenus Rex IUDERUM" d'accordo che si tratta di "Gesù Nazareno di Ruler dei Giudei". Non vi è alcun disaccordo su quella da loro. Durante la sua vita qui sulla terra Gesù non è stato considerato da Ponzio Pilato, né dai Giudei mezzo ai quali visse come "re dei Giudei". L'iscrizione sulla croce su cui fu crocifisso Gesù è stato erroneamente tradotto in lingua inglese solo a partire dal 18 ° secolo. Ponzio Pilato era ironico e sarcastico, quando ordinò inscritta sulla Croce le parole latine "Iesus Nazarenus Rex IUDERUM". Sta per essere crocifisso, con l'approvazione di Ponzio Pilato, Gesù veniva deriso da Ponzio Pilato. Ponzio Pilato era ben consapevole in quel momento che Gesù era stato denunciato, sfidato e negata dai Giudei che purtroppo alla fine ha determinato la sua crocifissione come riferito dalla storia. Tranne che per i suoi pochi seguaci a quel tempo in Giudea tutti i Giudei gli altri aborriva Gesù e detestava il suo insegnamenti e le cose per le quali si trovava. Questo fatto deplorevole non può essere cancellato dalla storia dal tempo. Ponzio Pilato stesso era il "re" dei Giudei al tempo ordinò inscritta sulla Croce in parole latine "Iesus Nazarenus IUDERUM Rex", in inglese "Gesù il Nazareno Ruler dei Giudei". Ma non Ponzio Pilato di cui a se stesso come "capo" dei Giudei. Il riferimento ironico e sarcastico di Ponzio Pilato a Gesù come "principe dei Giudei" difficilmente può essere accettata come riconoscimento da parte di Ponzio Pilato di Gesù come "Signore del Giudei". Questo è inconcepibile da qualsiasi interpretazione. Al momento della Crocifissione di Gesù. Ponzio Pilato era l'amministratore in Giudea per l'Impero romano. A quel tempo nella storia del territorio dell'Impero romano comprendeva una parte del Medio Oriente. Per quanto lo riguardava personalmente ufficialmente o gli abitanti della Giudea erano "Giudei" a Ponzio Pilato e non la cosiddetta "ebrei" come sono stato designato dal 18 ° secolo. Al tempo di Ponzio Pilato e non la cosiddetta "ebrei" come sono stato designato dal 18 ° secolo. Nel tempo di Ponzio Pilato nella storia non c'era religiosa, razziale o nazionale, in Giudea conosciuto come "ebrei", né se vi fosse stato un gruppo così identificato in nessun'altra parte del mondo fino a quel momento.









































































































Ponzio Pilato ha espresso poco interesse come amministratore dell'impero romano ufficialmente o personalmente la grande varietà di forme di culto religioso poi praticati in Giudea. Queste forme di culto religioso esteso dal culto fallico e altre forme di idolatria alla filosofia emergente spirituale di una divinità eterna, onnipotente e invisibile divina, il Yahvé emergente (Geova), concetto che ha preceduto Abramo della Bibbia di fama circa 2000 anni. In qualità di amministratore per l'Impero romano in Giudea era la politica ufficiale di Ponzio Pilato di non interferire negli affari spirituali della popolazione locale. Responsabilità primaria Ponzio Pilato era la riscossione delle imposte da inoltrare a casa a Roma, non le forme di culto praticato dai Giudei da cui sono stati raccolti tali tasse. Come ben sapete, mio caro dottor Goldstein, la parola latina "rex" significa "signore, leader" in inglese. Durante la vita di Gesù in Giudea il termine latino "rex" significava solo che a Giudei familiarità con la lingua latina. La parola latina "rex" è il verbo latino "Rego, regere, REXI, retto" in inglese significa, come anche voi ben sapete "di governare, di guidare". Il latino era, naturalmente, la lingua ufficiale in tutte le province amministrate da un amministratore locale dell'Impero Romano. Questo fatto spiega per l'iscrizione sulla croce in latino. Con l'invasione delle isole britanniche da parte della Anglo-Sassoni, la lingua inglese sostituito l'anglo-sassone "re" per l'equivalente latino "rex" usato prima dell'invasione anglo-sassone . L'adozione del "re" per "rex" in questa data tardiva della storia britannica non ha effetto retroattivo alterare il significato del latino "rex" per i Giudei al tempo di Gesù. Il latino "rex" per loro allora significava solo "righello, leader" in quanto significa ancora in latino. Anglo-Saxon "re" è stato scritto in modo diverso al primo utilizzo, ma in ogni momento voleva dire lo stesso di "rex" in latino, "leader" di una tribù. Durante la vita di Gesù era molto chiaro a Ponzio Pilato che Gesù era il molto ultima persona in Giudea i Giudei si seleziona come loro "capo" o la loro "leader". A dispetto di questa situazione in Giudea Ponzio Pilato non ha esitato a ordinare l'iscrizione della Croce "Iesus Nazarenus Rex IUDERUM". Con il tratto più selvaggio della fantasia non è concepibile che questo sarcasmo e ironia da Ponzio Pilato, al momento della crocifissione non era solo presa in giro di Gesù da Ponzio Pilato e scherno solo. Dopo questo riferimento alla "Gesù il Nazareno Ruler dei Giudei" Giudei immediatamente proceduto a Crocifiggere Gesù su quella croce molto. In latino nella vita di Gesù, il nome della sua suddivisione politica in Medio Oriente, conosciuto nella storia moderna come la Palestina era " Iudaea ". E 'stato quindi somministrato da Ponzio Pilato come amministratore per l'impero romano di cui era allora una parte. L'inglese per il latino "Iudaea" è "Giudea". Inglese "Giuda" è l'aggettivo per il sostantivo "Giudea". L'antica popolazione nativa della suddivisione in Medio Oriente, conosciuto nella storia moderna come la Palestina che allora si chiamava "Iudaeus" in latino e "giudeo" in lingua inglese. Quelle parole identificato la popolazione indigena della Giudea nel corso della vita di Gesù. Chi può negare che Gesù era un membro della popolazione indigena della Giudea nella sua vita? E naturalmente sai, mio caro dottor Goldstein, in latino il genitivo plurale di "Iudaeus" è "Iudaeorum". La traduzione inglese del genitivo plurale di "Iudaeorum" è "dei Giudei". E 'assolutamente impossibile dare qualsiasi altra traduzione inglese a "Iudaeorum" rispetto "dei Giudei". Teologi qualificati e competenti e gli storici considerano incredibile qualsiasi altra traduzione in inglese di "Iesus Nazarenus Iudaeorum Rex" che "Gesù il Nazareno Ruler dei Giudei". Dovete convenire che questo è letteralmente corretta. Al momento Ponzio Pilato stava ordinando il "Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum" inscritta sulla Croce i capi spirituali della Giudea stavano protestando a Ponzio Pilato "di non scrivere che Gesù era il re dei Giudei" ma di iscrivere, invece, che Gesù "aveva detto che era il governatore dei Giudei". I leader spirituali della Giudea in proteste molto forti a Ponzio Pilato contro il suo riferimento a Gesù come "Rex Iudaeorum" insistendo sul fatto che Ponzio Pilato non era a conoscenza o frainteso lo status di Gesù in Giudea. Queste proteste sono una questione di memoria storica, come sapete. I leader spirituali in Giudea protestato invano con Ponzio Pilato. Essi hanno insistito che Gesù "aveva detto che Egli era il capo dei Giudei", ma che Ponzio Pilato era "di non scrivere che Gesù era il re dei Giudei". Perché dopo tutto Ponzio Pilato era uno straniero in Giudea, che non riusciva a capire le situazioni locali, nonché i capi spirituali. Il modello intricato della politica interna, sociale ed economica cross-correnti interessati in Giudea Ponzio Pilato poco come amministratore di Roma. Il Vangelo di Giovanni è stato scritto originariamente in lingua greca, secondo le migliori autorità. Nell'originale greco non esiste un equivalente per gli inglesi che Gesù "aveva detto che era il governatore dei Giudei". La traduzione inglese dell'originale greco del Vangelo di Giovanni, XIX, 19, recita: "Non scrivere 'il monarca (basileus) dei Giudei (Ioudaios), ma che Egli stesso ha detto che sto monarca (basileus) dei Giudei ( Ioudaios) '". "Ioudaia" è il greco per il latino per "basileus" in greco. L'inglese "righello", o la sua alternativa "leader", definire il senso del latino "rex" e il greco "basileus", come sono stati usati nel Vangelo greco e latino di Giovanni. Ponzio Pilato "lavati le mani" delle proteste i capi spirituali in Giudea, che chiedevano di lui che l'iscrizione sulla croce scritto da Ponzio Pilato essere corretti nel modo che ha insistito. Ponzio Pilato essere corretti nel modo che ha insistito. Ponzio Pilato molto impaziente ha risposto alle loro richieste "Ciò che ho scritto, ho scritto". L'iscrizione sulla croce è rimasta quella che era stata, "Iesus Nazarenus Iudaeorum Rex", o "Gesù il Nazareno Ruler dei Giudei" in inglese. Le citazioni latine e le parole indicate in questa lettera sono citazioni letterali e le parole esatte che appaiono in 4 ° secolo la traduzione del Nuovo Testamento in latino da S. Girolamo. Questa traduzione è denominata Vulgata edizione del Nuovo Testamento. E 'stata la prima traduzione ufficiale del Nuovo Testamento in latino da parte della Chiesa cristiana. Da quel momento è rimasta la versione ufficiale Nuovo Testamento utilizzato dalla Chiesa cattolica. La traduzione del Vangelo di Giovanni in latino di San Girolamo è stata fatta dalla lingua greca nella quale il Vangelo di Giovanni è stato originariamente scritto secondo le migliori autorità in materia. La traduzione inglese del Vangelo di Giovanni XIX, 19, da il testo originale in lingua greca recita così, "Pilato scrisse un segno e fissato alla croce e la scritta era" Gesù il Nazareno il re dei Giudei '". Nel manoscritto originale greco non vi è menzione anche del richieste su Ponzio Pilato da parte dei leaders spirituali della Giudea Ponzio Pilato, che alterano il riferimento sulla Croce di Gesù come "Sovrano dei Giudei". Il testo greco del manoscritto originale del Vangelo di Giovanni stabilisce di là di ogni domanda o dubbio che la spirituale leader in Giudea a quel tempo aveva protestato a Ponzio Pilato che Gesù "non era il governatore dei Giudei", ma solo "aveva detto che Egli era il capo dei Giudei". Non vi è alcun fondamento di fatto nella storia o teologia, oggi, per le implicazioni , illazioni e insinuazioni che i greci "Ioudaios", dal latino "Iudaeus", o l'inglese "Giudea:".. mai posseduto una connotazione religiosa valida Nelle loro tre rispettive lingue queste tre parole hanno indicato solo una connotazione strettamente topografico o geografico In il loro senso corretto queste tre parole nelle rispettive lingue sono stati utilizzati per identificare i membri della popolazione indigena nativo della zona geografica conosciuta come Giudea nel corso della vita di Gesù.. Durante la vita di Gesù non c'era una forma di culto religioso praticato in Giudea o in altre parti del mondo conosciuto, che portava un nome anche lontanamente simile al nome della sua suddivisione politica dell'impero romano;.. vale a dire, "giudaismo" da "Giudea" Nessun culto o setta esisteva da un nome E 'un fatto incontestabile che la parola "Ebreo" non è venuto in esistenza finché l'anno 1775. Prima del 1775 la parola "Ebreo" non esiste in nessuna lingua. La parola "Ebreo" è stato introdotto in inglese per la prima volta nel 18 ° secolo, quando Sheridan utilizzato nella sua commedia "The Rivals", II, i, "Lei deve avere una pelle come una mummia, e la barba di un Ebreo". Prima di questo uso della parola "Ebreo" in lingua inglese da Sheridan nel 1775 la parola "Ebreo" non era diventata una parola nella lingua inglese. Shakespeare non vide mai la parola "Ebreo", come si vedrà. Shakespeare non ha mai usato la parola "Ebreo" in qualsiasi delle sue opere, la convinzione generale comune in contrario . Nel suo "Mercante di Venezia", ​​V.III.i.61, Shakespeare ha scritto quanto segue: "qual è la ragione? Sono un Iewe, non ha un occhi Iewe? ". Iudaeus "nel Vangelo di Giovanni riferimento alla iscrizione sul Nella Edition San Girolamo Vulgata latina 4 ° secolo del Nuovo Testamento Gesù viene definito dal genitivo plurale di" Croce, -. ». Iudaeorum" E 'stato nel 4 ° secolo che San Girolamo tradusse in latino i manoscritti del Nuovo Testamento dalle lingue originali in cui sono stati scritti La traduzione di San Girolamo si riferisce a ancora oggi come la Vulgata Edizione da parte delle autorità della Chiesa cattolica romana, che ne fanno uso oggi. Gesù viene definito come un cosiddetto "Ebreo" per la prima volta nel Nuovo Testamento nel 18 ° secolo. Gesù viene prima indicato come un cosiddetto "Ebreo" nelle edizioni rivedute del 18 ° secolo in lingua inglese dei primi del 14 ° secolo traduzioni del Nuovo Testamento in lingua inglese. La storia dell 'origine dell' "Ebreo" parola nella lingua inglese non lascia alcun dubbio sul fatto che il 18 secolo "Ebreo" è la 18 ° secolo contratti e corrotti parola inglese per il 4 ° secolo latino "Iudaeus" che si trova in edizione Vulgata di San Girolamo. Su questo non c'è dubbio più. I manoscritti disponibili dal 4 ° secolo al 18 ° secolo accuratamente tracciare l'origine e dare la completa storia della parola "Ebreo" in lingua inglese. In questi manoscritti si trovano tutti gli equivalenti in precedenza molti inglesi che si estendono attraverso i 14 secoli dal 4 ° al 18 ° secolo. dal latino "Iudaeus" all'inglese "Ebreo" queste forme di inglese incluso successivamente: "Gyu", "Giu", "Iu", "INN", "Iuw", "Ieuu", "Ieuy", "IWE", "Iowa", "Iewe", "Leue", "Iue", "Ive", "Lew", e infine nel 18 ° secolo, "Ebreo". Gli equivalenti molti prima di inglese per "ebrei" attraverso i 14 secoli sono "Giwis", "Giws", "Gyues", "Gywes", "Giwes", "Geus", "Iuys", "Iows", "Iouis", "Iews", e poi anche alla fine del 18 ° secolo, "ebrei". Con la rapida espansione in Inghilterra nel 18 ° secolo per la prima volta nella storia dei quantitativi di stampa notevolmente migliorata presse illimitate del Nuovo Testamento sono stati stampati. Queste edizioni rivedute del 18 ° secolo delle traduzioni primi 14 ° secolo prima nella lingua inglese sono stati poi ampiamente diffuse in tutta l'Inghilterra e il mondo di lingua inglese tra le famiglie che non avevano mai posseduto una copia del Nuovo Testamento in qualsiasi lingua. In queste edizioni del 18 ° secolo con le revisioni la parola "Ebreo" è apparso per la prima volta in tutte le traduzioni in inglese. La parola "Ebreo", come è stato usato nel 18 edizioni secolo da allora ha continuato in uso in tutte le elezioni del Nuovo Testamento in lingua inglese. L'uso della parola "Ebreo", così è stato stabilizzato. Come sapete, il mio caro dottor Goldstein, le migliori edizioni conosciute del 18 ° secolo del Nuovo Testamento in lingua inglese sono i Rheims (Douai) Edition e il re James Authorized Edition. I Rheims (Douai) traduzione del Nuovo Testamento in inglese è stato stampato nel 1582, ma la parola "Ebreo" non appare in esso. The James King autorizzato traduzione del Nuovo Testamento in inglese fu iniziata nel 1604 e pubblicato nel 1611. La parola "Ebreo" non sembra in esso sia. La parola "Ebreo" è apparso in entrambe queste edizioni ben note nelle loro versioni rivedute del 18 ° secolo per la prima volta volte. innumerevoli copie delle edizioni rivedute del 18 ° secolo delle Rheims (Douai) e le traduzioni di Re Giacomo del Nuovo Testamento in inglese sono stati distribuiti al clero e laici di tutto il mondo di lingua inglese. Non sapevano la storia delle origini della parola inglese "Ebreo", né gliene importava. hanno accolto la parola inglese "Ebreo" come l'unica e come forma accettata del latino "Iudaeus" e il greco "Ioudaios". Come potevano aspettare di aver conosciuto altrimenti La risposta è che non poteva e non lo fecero. E 'stata una nuova parola inglese per loro. Quando si studia il latino nei vostri giorni di scuola vi è stato insegnato che la lettera "I" in latino quando viene utilizzato come la prima lettera in una parola è pronunciata come la lettera "Y" in inglese quando è la prima lettera in parole come "sì", "giovani" e "yacht". L '"io" in "Iudaeus" è pronunciata come la "Y" in "sì", "giovani" e "yacht" in inglese. In tutto il 4 ° secolo a forme del 18 ° secolo per il 18 ° secolo "Ebreo" la lettera "I" è stato pronunciato come l'inglese "Y" in "sì", "giovani", e "yacht". Lo stesso vale per la "Gi" o "Gy" dove è stato utilizzato al posto della lettera "I". La pronuncia attuale della parola "Ebreo" in inglese moderno è uno sviluppo degli ultimi tempi. oggi in lingua inglese, il "J" in "Ebreo" è pronunciata come la "J" in inglese "giustizia", ​​"jolly", e "salto". Questo è l'unico caso dal 18 ° secolo. Prima al 18 secolo la "J" in "Ebreo" è stata pronunciata esattamente come la "Y" in inglese "sì", "giovani" e "yacht". Fino al 18 ° secolo e forse anche oltre il 18 ° secolo la parola "Ebreo" in inglese è stato pronunciato come l'inglese "tu" o "sbozzare", e la parola "ebrei" come "youse" o "uniforma". La pronuncia attuale di "Ebreo" in inglese è una nuova pronuncia acquisita dopo il 18 ° secolo. L' lingua tedesca conserva ancora la pronuncia latina originale. tedesco "Jude" è l'equivalente tedesco della lingua inglese "Ebreo". La "J" in tedesco "Jude" si pronuncia esattamente come gli inglesi "Y" in "sì", " giovani ", e" yacht ". il tedesco" J "è l'equivalente del latino" I "ed entrambi si pronunciano esattamente come gli inglesi" Y "in" sì "," giovani "e" yacht ". Il tedesco" Jude "è praticamente la prima sillaba del latino" Iudaeus "e si pronuncia esattamente come. il tedesco" Jude "è la contrazione tedesca e la corruzione del latino" Iudaeus ", proprio come l'inglese" Ebreo "è la contrazione e la corruzione della latino "Iudaeus". il tedesco "J" si pronuncia sempre come gli inglesi "Y" in "sì", "giovani" e "yacht" quando è la prima lettera di una parola. La pronuncia della "J" in tedesco "Jude" non è un'eccezione alla pronuncia della "J" in tedesco. La lingua inglese come già sapete, mio caro Dr. Goldstein, è in gran parte fatto di parole adottate da lingue straniere. Dopo la loro adozione da parte del Inglese parole in lingua straniera sono stati poi adattati contraendo la loro ortografia e di corrompere la loro pronuncia straniera per renderle più facilmente pronunciabile in inglese dalla loro ortografia inglese. Questo processo di adozione prime parole straniere e poi adattandole contraendo la loro ortografia e di corrompere la loro pronuncia ha portato in nuove parole in lingua inglese come "cab" dalle migliaia di francesi "cabriolet" e molti di altre parole in modo simile dal loro grafia originale stranieri. Centinaia di altri deve venire in mente. In questo processo di adattamento-adozione di latino "e" Iudacus il greco "Ioudaios" Finalmente è emerso nel 18 ° secolo come "Ebreo" in lingua inglese. I popoli di lingua inglese lottato attraverso 14 secoli, cercando di creare per la lingua inglese un equivalente inglese per il latino "Iudaeus" e il greco "Ioudaios" che potrebbero essere facilmente pronunciabile in inglese dalla sua ortografia inglese. L'inglese "Ebreo" è stato il secolo risultante 18 contratti e corrotta forma del latino "Iudaeus" e il greco "Ioudaios". L'inglese "Ebreo" è facilmente pronunciabile in inglese da l'ortografia inglese. latino "Iudaeus" e il greco "Ioudaios" non può essere così facilmente pronunciata in inglese dal ortografia latino e greco. Sono stati costretti a coniare una parola. La prima versione del Nuovo Testamento in lingua inglese dalla Vulgata latina Edition è il Wyclif, o Wickliffe edizione pubblicata nel 1380. Nel Edition Wyclif Gesù è lì menzionata come una delle "iewes". Questa era la versione inglese del 14 ° secolo latino "Iudaeus" ed è stata pronunciata "HEW-Weeze", al plurale, e "iewe" pronunciato "HEW-wee" al singolare. Nel 1380 Wyclif Edition in lingua inglese del Vangelo di Giovanni, XIX.19, si legge "Ihesus di Nazareth Kyng delle iewes". Prima del 14 ° secolo la lingua inglese ha adottato la Anglo-Saxon "Kyng" insieme a molti altri anglo-sassoni parole al posto del latino "rex" e il greco "basileus". anglosassone significava anche "leader tribale". Nell'edizione di Tyndale il Nuovo Testamento in lingua inglese pubblicato nel 1525 Gesù è stato altresì descritto come una delle "Iewes". Nel Edition Coverdale pubblicato nel 1535 Gesù è stato anche descritto come uno dei "Iewes". Nel Edition Coverdale il Vangelo di Giovanni, XIX. 19, recita: "Iesus del Nazareth, Kynge dei" Iewes ". Nel Edition Cranmer pubblicato nel 1539 Gesù è stato nuovamente descritto come una delle "Iewes". Nel Edition di Ginevra pubblicato nel 1540-1557 Gesù è stato anche descritto come uno dei "Iewes". Nel Edition Reims pubblicato nel 1582 Gesù è stato descritto come una delle "Ievves". Nella James King Edition pubblicato nel 1604-1611 conosciuta anche come la versione autorizzato Gesù è stato descritto ancora come uno dei "Iewes". Le forme del latino "Iudaeus" sono state utilizzate che erano in corso al momento sono state fatte queste traduzioni. La traduzione in inglese del Vangelo di Giovanni, XIX.19, dal greco in cui è stata originariamente scritta recita: "Non inscrivere` il re dei Giudei ', ma che Egli stesso disse: `Sto monarca'". Nel manoscritto originale greco greco "basileus" appare per "monarca" in inglese e il greco "Ioudaios" appare per "Giudei", in lingua inglese. "Ioudaia" in greco è "Giudea" in inglese. "Ioudaios" in greco è "Giudei" in inglese. Non c'è alcuna ragione per la confusione. Mio caro dottor Goldstein, se la comprensione generalmente accettata oggi l'inglese "Ebreo" e "Giuda" trasmesso le implicazioni identiche, di illazioni e insinuazioni, sia come giustamente dovrebbe, non farebbe alcuna differenza quale dei queste due parole è stato utilizzato quando ci si riferisce a Gesù nel Nuovo Testamento o altrove. ma le implicazioni, di illazioni e insinuazioni oggi veicolati da queste due parole sono così diversi come nero dal bianco. La parola "Ebreo" oggi non è mai considerata come un sinonimo di "Giuda", né è "Giuda", considerato come sinonimo di "Ebreo". Come ho già spiegato, quando la parola "Ebreo" è stato introdotto nella lingua inglese nel 18 ° secolo il suo unico e solo implicitamente, inferenza e insinuazioni era "Giudea". Tuttavia, nei secoli 18 ° e 19 ° e 20 ben organizzata e ben finanziata internazionale "gruppo di pressione" ha creato un cosiddetto "significato secondario" per la parola "Ebreo" tra i popoli di lingua inglese del mondo. Questo cosiddetto "significato secondario" per la parola "Ebreo" non ha alcuna relazione di sorta per la connotazione del 18 ° secolo originario della parola "Ebreo". Si tratta di un travisamento. il "significato secondario" della parola oggi "Ebreo", come ha ben poco a suo significato originario e corretta come il "significato secondario", oggi come per il "cammello" la parola ha il significato originale e corretta parola "cammello", o il "significato secondario" per la parola "avorio" ha il significato originale e corretta della parola "avorio". Il "significato secondario" oggi per il "cammello" parola è una sigaretta da quel nome, ma il suo significato originale e corretta è un animale del deserto con quel nome antico. Il "significato secondario" della parola oggi "avorio" è un pezzo di sapone, ma il suo significato originale e corretta è la zanna di un elefante maschio. il "significato secondario" delle parole spesso diventano i significati delle parole generalmente accettati in precedenza hanno completamente diverso significati. Questo si ottiene la spesa di grandi quantità di denaro per ben pianificata pubblicità. Oggi se chiedete per una persona "cammello" vi consegnerà una sigaretta con quel nome. Oggi se chiedete un pezzo di qualcuno "avorio" vi consegnerà un pezzo di sapone con quel nome. Lei non potrà mai ricevere un animale del deserto o un pezzo di la zanna di un elefante maschio. Questo deve illustrare la misura in cui questi "significati secondari" sono in grado di eclissare praticamente i significati originali e corretta delle parole nella mente del pubblico in generale. Il "significato secondario" per la parola oggi "Ebreo" ha praticamente eclissato completamente il significato originale e corretta della parola "Ebreo" quando è stato introdotto come una parola in lingua inglese. Questo fenomeno non è raro. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha riconosciuto il "significato secondario" delle parole. Il più alto tribunale del paese ha stabilito come legge fondamentale che "significati secondari" possono acquisire diritti di priorità per l'utilizzo di qualsiasi parola del dizionario. Ben pianificata e ben finanziato in tutto il mondo pubblicità attraverso tutti i media a disposizione di gruppi ben organizzati dei cosiddetti o sedicenti "ebrei" per tre secoli ha creato un "significato secondario" per la parola "Ebreo", che ha completamente "oscurato" il significato originale e corretta della parola "Ebreo". Non ci può essere alcun dubbio su questo. Non è una persona in tutta mondo di lingua inglese che oggi riguarda un "Ebreo" come un "giudeo", nel senso letterale della parola. Questo è stato il giusto significato e solo nel 18 ° secolo. L'generalmente accettato "significato secondario" della parola oggi "Ebreo" con praticamente senza eccezioni è costituita da quattro teorie quasi universalmente creduto. Questi quattro teorie sono che una cosiddetta o sedicente "Ebreo" è (1) una persona che oggi professa la forma di culto religioso noto come "l'ebraismo", (2) una persona che afferma di appartenere ad un gruppo razziale associato con gli antichi semiti, (3) una persona direttamente discendente di un'antica nazione che ha prosperato in Palestina nella storia biblica, (4) una persona benedetta dal divino disegno intenzionale con determinate caratteristiche superiori culturali negati ad altri gruppi razziali, religiosi o nazionali, tutto in uno. L'attuale generalmente accettato "significato secondario" della parola "Ebreo" è fondamentalmente responsabile della confusione nelle menti dei cristiani in materia di principi elementari della fede cristiana. E 'altresì responsabile oggi in misura molto grande per la diluizione della devozione dei cristiani innumerevoli per la loro fede cristiana. Le implicazioni, di illazioni e insinuazioni della parola oggi "Ebreo", alla maggior parte preponderante dei cristiani intelligenti e informati, è contraddittorio e in contrasto completo con incontestabile fatto storico. Cristiani che non possono essere ingannati sono più sospetti del clero cristiano, che continuano a ripetere e ripetere e ripetere ad nauseam pet loro tema canzone "Gesù era un Ebreo". In realtà ora si avvicina ad una psicosi. Innumerevoli cristiani sappiamo oggi che erano "lavaggio del cervello" da parte del clero cristiano sul tema "Gesù era un Ebreo". il rancore che provano non è ancora evidente al clero cristiano.Cristiani di oggi, chiedono dal clero cristiano, "la verità, tutta la verità, e nient'altro che la verità". E 'giunto il momento per il clero cristiano a dire i cristiani quello che devono aver detto molto tempo fa. Di tutti i gruppi religiosi cristiani in tutto il mondo sembra essere il meno informato di qualsiasi sull'argomento. Hanno i loro capi spirituali stato imprudente con la verità? Innumerevoli cristiani intelligenti e informate più accettare affermazioni non contestati da parte del clero cristiano che Gesù durante la sua vita era un membro di un gruppo in Giudea, che praticavano una forma religiosa di culto allora che oggi si chiama " l'ebraismo ", o che Gesù nella Sua vita qui sulla terra è stato un membro del gruppo razziale che oggi comprende la maggior parte preponderante di tutte le cosiddette o sedicenti" ebrei "nel mondo, o che la cosiddetta o auto- stile "ebrei" in tutto il mondo di oggi sono i discendenti della nazione in Giudea, di cui Gesù è stato un nazionale del suo ciclo di vita qui sulla terra, o che le caratteristiche culturali della cosiddetta o sedicente "ebrei" in tutto il mondo di oggi corrispondono alle caratteristiche culturali di Gesù durante la sua vita qui sulla terra e dei Suoi insegnamenti mentre era qui sulla terra per un breve soggiorno. i cristiani non credono più che la razza, religione, nazionalità e cultura di Gesù e della razza, religione, nazionalità e la cultura della cosiddetta o sedicente oggi "ebrei" oi loro antenati hanno una comune origine o un carattere. il risentimento da parte dei cristiani è più inquietante che il clero cristiano sospetta. In condizioni esistenti clero cristiani troverà che l'ignoranza non è felicità, né follia saggezza.























































































I cristiani in tutto il mondo oggi stanno cercando di imparare il rapporto autentico tra i cosiddetti o sedicenti "ebrei" through-il mondo di oggi e la "Giudei" che popolavano "Giudea" prima, durante e dopo il tempo di Gesù. Cristiani di oggi, insistono sul fatto che essi siano correttamente detto dal clero cristiano sulla razziale, religiosa, fondo nazionale e culturale dei cosiddetti o sedicenti "ebrei" in tutto il mondo di oggi e la base per associare questi sfondi con il razziale, religiosa , sfondo nazionale e culturale di Gesù nella sua vita in Giudea. Il cristiano intelligente e informato sono avvisati esploso il mito che la cosiddetta o sedicente "ebrei" in tutto il mondo di oggi sono i discendenti diretti del "Giudei", tra i quali Gesù ha vissuto durante la sua vita qui sulla terra. oggi i cristiani sono anche diventando sempre più giorno per giorno perché allertato la cosiddetta o sedicente "ebrei" in tutto il mondo per tre secoli hanno trascorso innumerevoli somme di denaro per produrre la finzione che la "Giudei" al tempo di Gesù erano "ebrei "piuttosto che" Giudei ", e che" Gesù era un Ebreo ". I cristiani sono sempre più consapevoli giorno per giorno di tutti i vantaggi economici e politici derivanti alla cosiddetta o sedicente "ebrei" come conseguenza diretta del loro successo nel rendere i cristiani credono che "Gesù era un Ebreo" nel "significato secondario" che hanno creato per il termine del 18 ° secolo "Ebreo". La cosiddetta o sedicente "ebrei" in tutto il mondo oggi si rappresenta per i cristiani come "ebrei" solo nel "significato secondario" della parola "Ebreo". Essi cercano di dimostrare così la loro parentela con Gesù.. Sottolineano questa fiction ai cristiani costantemente. Questa favola è in rapida dissolvenza e perdendo la sua presa ex-dipendenti, l'immaginazione dei cristiani. di affermare che "Gesù era un Ebreo", nel senso che durante la sua vita Gesù ha professato e praticato la forma di culto religioso conosciuta e praticata sotto il nome moderno di " ebraismo "è falso e la finzione della natura più blasfema. Se per essere una cosiddetta o sedicente "Ebreo", né allora né adesso la pratica della "ebraismo" era un requisito allora Gesù non era certo una cosiddetta "Ebreo". Gesù aborriva e denunciato la forma di culto religioso praticato in Giudea nella sua vita e che è conosciuta e praticata oggi con il nuovo nome "giudaismo". Che la fede religiosa è stato poi conosciuto come "Pharisiasm".Il clero cristiano a sapere che nei loro giorni di seminario teologico ma non hanno mai fatto alcun tentativo di rendere chiaro ai cristiani. L'eminente Rabbi Louis Finkelstein, il capo del Jewish Theological Seminary of America, spesso definito come "il Vaticano del giudaismo" , nella sua prefazione alla sua prima edizione del suo famoso classico "I farisei, dal sottofondo sociologico della loro fede", a pagina XXI afferma: "... l'ebraismo ... Pharisiasm divenne talmudismo, talmudismo divenne Rabbinism medievale, e medievali Rabbinism divenne Rabbinism moderna Ma in tutti questi cambiamenti di nome ... lo spirito degli antichi farisei sopravvive inalterato ... Dalla Palestina a Babilonia;. da Babilonia al Nord Africa, Italia, Spagna, Francia e Germania, da questi alla Polonia, Russia, e orientale in genere, fariseismo antica ha vagato ... dimostra l'importanza duratura che attribuisce alla fariseismo come un movimento religioso ... " il celebre Rabbi Louis Finkelstein nel suo grande classico citato da tracce sopra l'origine della forma dei religiosi culto praticato oggi sotto il nome attuale "ebraismo", alla sua origine di "fariseismo" in Giudea al tempo di Gesù. Rabbi Louis Finkelstein conferma ciò che l'eminente rabbino Adolph stati Mosè nella sua grande "Yahvism, e altri discorsi" classico, in collaborazione con il celebre Rabbi HG Enlow, pubblicato nel 1903 dalla Sezione di Louisville del Consiglio delle donne ebree, in cui Rabbi Adolph Mosè, a pagina 1, afferma: "Tra le innumerevoli disgrazie che hanno colpito ... il più fatale nelle sue conseguenze è il nome del giudaismo ... Peggio ancora, gli stessi ebrei, che hanno progressivamente venuto a chiamare i loro religione ebraismo .. . Eppure, né biblica né post-biblico, né in talmudica, né in epoca molto più tardi, è il termine ebraismo mai sentito parlare ... la Bibbia parla della religione ... come "Torah Yahvé", l'istruzione, o la legge morale rivelata da Yahvé ... in altri posti ... come "Yirath Yahvé", il timore e reverenza di Yahvé. Queste e altre denominazioni CONTINUA per molti secoli per rappresentare la religione ... Per distinguerlo dal cristianesimo e islam , i filosofi ebrei volte designarlo come la fede o le convinzioni degli ebrei ... E 'stato Giuseppe Flavio, SCRIVERE per l'istruzione dei Greci e dei Romani, che coniò il termine giudaismo, al fine di mettere contro l'ellenismo ... dall'ellenismo era inteso la civiltà, che comprende il linguaggio, poesia, religione, arte, scienza, costume, costumi, istituzioni, che ... si era diffusa dalla Grecia, la sua sede originaria, in vaste regioni d'Europa, l'Asia e l'Africa ... I cristiani avidamente afferrato il nome ... gli ebrei stessi, che detestava i intensamente Giuseppe traditore e rinunciato a leggere le sue opere ... Da qui il termine coniato da Flavio Giuseppe EBRAISMO rimasto assolutamente ignoto a loro ... SOLO in tempi relativamente recenti , dopo che gli ebrei diventato familiare con MODERN letteratura cristiana, che hanno iniziato a chiamare i propri RELIGIONE giudaismo ". (Enfasi in dotazione). Questa affermazione di tutto il mondo due principali autorità in materia stabilisce chiaramente di là di ogni domanda o dubbio che il cosiddetto "giudaismo" non era il nome di qualsiasi forma di culto religioso praticato in Giudea al tempo di Gesù. Le Flavio Giuseppe di cui al precedente citazione vissuto nel 1 ° secolo. E 'stato lui che ha coniato la parola "ebraismo" nel 1 ° secolo esplicitamente allo scopo recitato chiaramente al di sopra. Culto religioso conosciuta e praticata oggi sotto il nome di "ebraismo" dalla cosiddetta o sedicente "ebrei" in tutto il mondo è stato conosciuto e praticato in Giudea al tempo di Gesù sotto il "fariseismo" nome secondo Rabbi Louis Finkelstein, capo del Jewish Theological Seminary of America, e tutte le altre autorità più competenti e qualificati riconosciuti in materia.

















PARTE SECONDA: fariseismo talmudica

   La radice del NUOVO ORDINE MONDIALE!