I PROTOCOLLI DEI Savi DI ZION


WORLD CONQUEST THROUGH WORLD JEWISH GOVERNMENT
THE PROTOCOLSOF THE
LEARNED ELDERS
OF ZION

PROTOCOLS OF THE MEETINGS
OF THE LEARNED ELDERS OF ZION

PROTOCOL No. 1

1. ....Putting aside fine phrases we shall speak of the significance of each thought: by comparisons and deductions we shall throw light upon surrounding facts.
2. What I am about to set forth, then, is our system from the two points of view, that of ourselves and that of the GOYIM [i.e., non-Jews].
3. It must be noted that men with bad instincts are more in number than the good, and therefore the best results in governing them are attained by violence and terrorisation, and not by academic discussions. Every man aims at power, everyone would like to become a dictator if only he could, and rare indeed are the men who would not be willing to sacrifice the welfare of all for the sake of securing their own welfare.
4. What has restrained the beasts of prey who are called men? What has served for their guidance hitherto?
5. In the beginnings of the structure of society, they were subjected to brutal and blind force; afterwards - to Law, which is the same force, only disguised. I draw the conclusion that by the law of nature, right lies in force.
6. Political freedom is an idea but not a fact. This idea one must know how to apply whenever it appears necessary with this bait of an idea to attract the masses of the people to one's party for the purpose of crushing another who is in authority. This task is rendered easier if the opponent has himself been infected with the idea of freedom, SO-CALLED LIBERALISM, and, for the sake of an idea, is willing to yield some of his power. It is precisely here that the triumph of our theory appears; the slackened reins of government are immediately, by the law of life, caught up and gathered together by a new hand, because the blind might of the nation cannot for one single day exist without guidance, and the new authority merely fits into the place of the old already weakened by liberalism.

GOLD

7. In our day the power which has replaced that of the rulers who were liberal is the power of Gold. Time was when Faith ruled. The idea of freedom is impossible of realization because no one knows how to use it with moderation. It is enough to hand over a people to self-government for a certain length of time for that people to be turned into a disorganized mob. From that moment on we get internecine strife which soon develops into battles between classes, in the midst of which States burn down and their importance is reduced to that of a heap of ashes.
8. Whether a State exhausts itself in its own convulsions, whether its internal discord brings it under the power of external foes - in any case it can be accounted irretrievably lost: IT IS IN OUR POWER. The despotism of Capital, which is entirely in our hands, reaches out to it a straw that the State, willy-nilly, must take hold of: if not - it goes to the bottom.
9. Should anyone of a liberal mind say that such reflections as the above are immoral, I would put the following questions: If every State has two foes and if in regard to the external foe it is allowed and not considered immoral to use every manner and art of conflict, as for example to keep the enemy in ignorance of plans of attack and defense, to attack him by night or in superior numbers, then in what way can the same means in regard to a worse foe, the destroyer of the structure of society and the commonweal, be called immoral and not permissible?
10. Is it possible for any sound logical mind to hope with any success to guide crowds by the aid of reasonable counsels and arguments, when any objection or contradiction, senseless though it may be, can be made and when such objection may find more favor with the people, whose powers of reasoning are superficial? Men in masses and the men of the masses, being guided solely by petty passions, paltry beliefs, traditions and sentimental theorems, fall a prey to party dissension, which hinders any kind of agreement even on the basis of a perfectly reasonable argument. Every resolution of a crowd depends upon a chance or packed majority, which, in its ignorance of political secrets, puts forth some ridiculous resolution that lays in the administration a seed of anarchy.
11. The political has nothing in common with the moral. The ruler who is governed by the moral is not a skilled politician, and is therefore unstable on his throne. He who wishes to rule must have recourse both to cunning and to make-believe. Great national qualities, like frankness and honesty, are vices in politics, for they bring down rulers from their thrones more effectively and more certainly than the most powerful enemy. Such qualities must be the attributes of the kingdoms of the GOYIM, but we must in no wise be guided by them.

RIGHT IS MIGHT

12. Our right lies in force. The word "right" is an abstract thought and proved by nothing. The word means no more than: Give me what I want in order that thereby I may have a proof that I am stronger than you.
13. Where does right begin? Where does it end?
14. In any State in which there is a bad organization of authority, an impersonality of laws and of the rulers who have lost their personality amid the flood of rights ever multiplying out of liberalism, I find a new right - to attack by the right of the strong, and to scatter to the winds all existing forces of order and regulation, to reconstruct all institutions and to become the sovereign lord of those who have left to us the rights of their power by laying them down voluntarily in their liberalism.
15. Our power in the present tottering condition of all forms of power will be more invincible than any other, because it will remain invisible until the moment when it has gained such strength that no cunning can any longer undermine it.
16. Out of the temporary evil we are now compelled to commit will emerge the good of an unshakable rule, which will restore the regular course of the machinery of the national life, brought to naught by liberalism. The result justifies the means. Let us, however, in our plans, direct our attention not so much to what is good and moral as to what is necessary and useful.
17. Before us is a plan in which is laid down strategically the line from which we cannot deviate without running the risk of seeing the labor of many centuries brought to naught.
18. In order to elaborate satisfactory forms of action it is necessary to have regard to the rascality, the slackness, the instability of the mob, its lack of capacity to understand and respect the conditions of its own life, or its own welfare. It must be understood that the might of a mob is blind, senseless and un-reasoning force ever at the mercy of a suggestion from any side. The blind cannot lead the blind without bringing them into the abyss; consequently, members of the mob, upstarts from the people even though they should be as a genius for wisdom, yet having no understanding of the political, cannot come forward as leaders of the mob without bringing the whole nation to ruin.
19. Only one trained from childhood for independent rule can have understanding of the words that can be made up of the political alphabet.
20. A people left to itself, i.e., to upstarts from its midst, brings itself to ruin by party dissensions excited by the pursuit of power and honors and the disorders arising therefrom. Is it possible for the masses of the people calmly and without petty jealousies to form judgment, to deal with the affairs of the country, which cannot be mixed up with personal interest? Can they defend themselves from an external foe? It is unthinkable; for a plan broken up into as many parts as there are heads in the mob, loses all homogeneity, and thereby becomes unintelligible and impossible of execution.

WE ARE DESPOTS

21. It is only with a despotic ruler that plans can be elaborated extensively and clearly in such a way as to distribute the whole properly among the several parts of the machinery of the State: from this the conclusion is inevitable that a satisfactory form of government for any country is one that concentrates in the hands of one responsible person. Without an absolute despotism there can be no existence for civilization which is carried on not by the masses but by their guide, whosoever that person may be. The mob is savage, and displays its savagery at every opportunity. The moment the mob seizes freedom in its hands it quickly turns to anarchy, which in itself is the highest degree of savagery.
22. Behold the alcoholic animals, bemused with drink, the right to an immoderate use of which comes along with freedom. It is not for us and ours to walk that road. The peoples of the GOYIM are bemused with alcoholic liquors; their youth has grown stupid on classicism and from early immorality, into which it has been inducted by our special agents - by tutors, lackeys, governesses in the houses of the wealthy, by clerks and others, by our women in the places of dissipation frequented by the GOYIM. In the number of these last I count also the so-called "society ladies," voluntary followers of the others in corruption and luxury.
23. Our countersign is - Force and Make-believe. Only force conquers in political affairs, especially if it be concealed in the talents essential to statesmen. Violence must be the principle, and cunning and make-believe the rule for governments which do not want to lay down their crowns at the feet of agents of some new power. This evil is the one and only means to attain the end, the good. Therefore we must not stop at bribery, deceit and treachery when they should serve towards the attainment of our end. In politics one must know how to seize the property of others without hesitation if by it we secure submission and sovereignty.
24. Our State, marching along the path of peaceful conquest, has the right to replace the horrors of war by less noticeable and more satisfactory sentences of death, necessary to maintain the terror which tends to produce blind submission. Just but merciless severity is the greatest factor of strength in the State: not only for the sake of gain but also in the name of duty, for the sake of victory, we must keep to the programme of violence and make-believe. The doctrine of squaring accounts is precisely as strong as the means of which it makes use. Therefore it is not so much by the means themselves as by the doctrine of severity that we shall triumph and bring all governments into subjection to our super-government. It is enough for them to know that we are too merciless for all disobedience to cease.

WE SHALL END LIBERTY

25. Far back in ancient times we were the first to cry among the masses of the people the words "Liberty, Equality, Fraternity," words many times repeated since these days by stupid poll-parrots who, from all sides around, flew down upon these baits and with them carried away the well-being of the world, true freedom of the individual, formerly so well guarded against the pressure of the mob. The would-be wise men of the GOYIM, the intellectuals, could not make anything out of the uttered words in their abstractedness; did not see that in nature there is no equality, cannot be freedom: that Nature herself has established inequality of minds, of characters, and capacities, just as immutably as she has established subordination to her laws: never stopped to think that the mob is a blind thing, that upstarts elected from among it to bear rule are, in regard to the political, the same blind men as the mob itself, that the adept, though he be a fool, can yet rule, whereas the non-adept, even if he were a genius, understands nothing in the political - to all those things the GOYIM paid no regard; yet all the time it was based upon these things that dynastic rule rested: the father passed on to the son a knowledge of the course of political affairs in such wise that none should know it but members of the dynasty and none could betray it to the governed. As time went on, the meaning of the dynastic transference of the true position of affairs in the political was lost, and this aided the success of our cause.
26. In all corners of the earth the words "Liberty, Equality, Fraternity," brought to our ranks, thanks to our blind agents, whole legions who bore our banners with enthusiasm. And all the time these words were canker-worms at work boring into the well-being of the GOYIM, putting an end everywhere to peace, quiet, solidarity and destroying all the foundations of the GOY States. As you will see later, this helped us to our triumph: it gave us the possibility, among other things, of getting into our hands the master card - the destruction of the privileges, or in other words of the very existence of the aristocracy of the GOYIM, that class which was the only defense peoples and countries had against us. On the ruins of the natural and genealogical aristocracy of the GOYIM we have set up the aristocracy of our educated class headed by the aristocracy of money. The qualifications for this aristocracy we have established in wealth, which is dependent upon us, and in knowledge, for which our learned elders provide the motive force.
27. Our triumph has been rendered easier by the fact that in our relations with the men, whom we wanted, we have always worked upon the most sensitive chords of the human mind, upon the cash account, upon the cupidity, upon the insatiability for material needs of man; and each one of these human weaknesses, taken alone, is sufficient to paralyze initiative, for it hands over the will of men to the disposition of him who has bought their activities.
28. The abstraction of freedom has enabled us to persuade the mob in all countries that their government is nothing but the steward of the people who are the owners of the country, and that the steward may be replaced like a worn-out glove.
29. It is this possibility of replacing the representatives of the people which has placed at our disposal, and, as it were, given us the power of appointment.

Back to Table of Contents/ . . .

PROTOCOL No. 2

1. It is indispensable for our purpose that wars, so far as possible, should not result in territorial gains: war will thus be brought on to the economic ground, where the nations will not fail to perceive in the assistance we give the strength of our predominance, and this state of things will put both sides at the mercy of our international AGENTUR; which possesses millions of eyes ever on the watch and unhampered by any limitations whatsoever. Our international rights will then wipe out national rights, in the proper sense of right, and will rule the nations precisely as the civil law of States rules the relations of their subjects among themselves.
2. The administrators, whom we shall choose from among the public, with strict regard to their capacities for servile obedience, will not be persons trained in the arts of government, and will therefore easily become pawns in our game in the hands of men of learning and genius who will be their advisers, specialists bred and reared from early childhood to rule the affairs of the whole world. As is well known to you, these specialists of ours have been drawing to fit them for rule the information they need from our political plans from the lessons of history, from observations made of the events of every moment as it passes. The GOYIM are not guided by practical use of unprejudiced historical observation, but by theoretical routine without any critical regard for consequent results. We need not, therefore, take any account of them - let them amuse themselves until the hour strikes, or live on hopes of new forms of enterprising pastime, or on the memories of all they have enjoyed. For them let that play the principal part which we have persuaded them to accept as the dictates of science (theory). It is with this object in view that we are constantly, by means of our press, arousing a blind confidence in these theories. The intellectuals of the GOYIM will puff themselves up with their knowledges and without any logical verification of them will put into effect all the information available from science, which our AGENTUR specialists have cunningly pieced together for the purpose of educating their minds in the direction we want.

DESTRUCTIVE EDUCATION

3. Do not suppose for a moment that these statements are empty words: think carefully of the successes we arranged for Darwinism (Evolution), Marxism (Communism), Nietzsche-ism (Socialism). To us Jews, at any rate, it should be plain to see what a disintegrating importance these directives have had upon the minds of the GOYIM.
4. It is indispensable for us to take account of the thoughts, characters, tendencies of the nations in order to avoid making slips in the political and in the direction of administrative affairs. The triumph of our system of which the component parts of the machinery may be variously disposed according to the temperament of the peoples met on our way, will fail of success if the practical application of it be not based upon a summing up of the lessons of the past in the light of the present.
5. In the hands of the States of to-day there is a great force that creates the movement of thought in the people, and that is the Press. The part played by the Press is to keep pointing out requirements supposed to be indispensable, to give voice to the complaints of the people, to express and to create discontent. It is in the Press that the triumph of freedom of speech finds its incarnation. But the GOYIM States have not known how to make use of this force; and it has fallen into our hands. Through the Press we have gained the power to influence while remaining ourselves in the shade; thanks to the Press we have got the GOLD in our hands, notwithstanding that we have had to gather it out of the oceans of blood and tears. But it has paid us, though we have sacrificed many of our people. Each victim on our side is worth in the sight of God a thousand GOYIM.

Back to Table of Contents/ . . .

PROTOCOL No. 3

1. To-day I may tell you that our goal is now only a few steps off. There remains a small space to cross and the whole long path we have trodden is ready now to close its cycle of the Symbolic Snake, by which we symbolize our people. When this ring closes, all the States of Europe will be locked in its coil as in a powerful vice.
2. The constitution scales of these days will shortly break down, for we have established them with a certain lack of accurate balance in order that they may oscillate incessantly until they wear through the pivot on which they turn. The GOYIM are under the impression that they have welded them sufficiently strong and they have all along kept on expecting that the scales would come into equilibrium. But the pivots - the kings on their thrones - are hemmed in by their representatives, who play the fool, distraught with their own uncontrolled and irresponsible power. This power they owe to the terror which has been breathed into the palaces. As they have no means of getting at their people, into their very midst, the kings on their thrones are no longer able to come to terms with them and so strengthen themselves against seekers after power. We have made a gulf between the far-seeing Sovereign Power and the blind force of the people so that both have lost all meaning, for like the blind man and his stick, both are powerless apart.
3. In order to incite seekers after power to a misuse of power we have set all forces in opposition one to another, breaking up their liberal tendencies towards independence. To this end we have stirred up every form of enterprise, we have armed all parties, we have set up authority as a target for every ambition. Of States we have made gladiatorial arenas where a lot of confused issues contend ... A little more, and disorders and bankruptcy will be universal ...
4. Babblers, inexhaustible, have turned into oratorical contests the sittings of Parliament and Administrative Boards. Bold journalists and unscrupulous pamphleteers daily fall upon executive officials. Abuses of power will put the final touch in preparing all institutions for their overthrow and everything will fly skyward under the blows of the maddened mob.

POVERTY OUR WEAPON

5. All people are chained down to heavy toil by poverty more firmly than ever. They were chained by slavery and serfdom; from these, one way and another, they might free themselves. These could be settled with, but from want they will never get away. We have included in the constitution such rights as to the masses appear fictitious and not actual rights. All these so-called "Peoples Rights" can exist only in idea, an idea which can never be realized in practical life. What is it to the proletariat laborer, bowed double over his heavy toil, crushed by his lot in life, if talkers get the right to babble, if journalists get the right to scribble any nonsense side by side with good stuff, once the proletariat has no other profit out of the constitution save only those pitiful crumbs which we fling them from our table in return for their voting in favor of what we dictate, in favor of the men we place in power, the servants of our AGENTUR ... Republican rights for a poor man are no more than a bitter piece of irony, for the necessity he is under of toiling almost all day gives him no present use of them, but the other hand robs him of all guarantee of regular and certain earnings by making him dependent on strikes by his comrades or lockouts by his masters.

WE SUPPORT COMMUNISM

6. The people, under our guidance, have annihilated the aristocracy, who were their one and only defense and foster-mother for the sake of their own advantage which is inseparably bound up with the well-being of the people. Nowadays, with the destruction of the aristocracy, the people have fallen into the grips of merciless money-grinding scoundrels who have laid a pitiless and cruel yoke upon the necks of the workers.
7. We appear on the scene as alleged saviours of the worker from this oppression when we propose to him to enter the ranks of our fighting forces - Socialists, Anarchists, Communists - to whom we always give support in accordance with an alleged brotherly rule (of the solidarity of all humanity) of our SOCIAL MASONRY. The aristocracy, which enjoyed by law the labor of the workers, was interested in seeing that the workers were well fed, healthy, and strong. We are interested in just the opposite - in the diminution, the KILLING OUT OF THE GOYIM. Our power is in the chronic shortness of food and physical weakness of the worker because by all that this implies he is made the slave of our will, and he will not find in his own authorities either strength or energy to set against our will. Hunger creates the right of capital to rule the worker more surely than it was given to the aristocracy by the legal authority of kings.
8. By want and the envy and hatred which it engenders we shall move the mobs and with their hands we shall wipe out all those who hinder us on our way.
9. WHEN THE HOUR STRIKES FOR OUR SOVEREIGN LORD OF ALL THE WORLD TO BE CROWNED IT IS THESE SAME HANDS WHICH WILL SWEEP AWAY EVERYTHING THAT MIGHT BE A HINDRANCE THERETO. (The Biblical "Anti-Christ?")
10. The GOYIM have lost the habit of thinking unless prompted by the suggestions of our specialists. Therefore they do not see the urgent necessity of what we, when our kingdom comes, shall adopt at once, namely this, that IT IS ESSENTIAL TO TEACH IN NATIONAL SCHOOLS ONE SIMPLE, TRUE PIECE OF KNOWLEDGE, THE BASIS OF ALL KNOWLEDGE - THE KNOWLEDGE OF THE STRUCTURE OF HUMAN LIFE, OF SOCIAL EXISTENCE, WHICH REQUIRES DIVISION OF LABOR, AND, CONSEQUENTLY, THE DIVISION OF MEN INTO CLASSES AND CONDITIONS. It is essential for all to know that OWING TO DIFFERENCE IN THE OBJECTS OF HUMAN ACTIVITY THERE CANNOT BE ANY EQUALITY, that he, who by any act of his compromises a whole class, cannot be equally responsible before the law with him who affects no one but only his own honor. The true knowledge of the structure of society, into the secrets of which we do not admit the GOYIM, would demonstrate to all men that the positions and work must be kept within a certain circle, that they may not become a source of human suffering, arising from an education which does not correspond with the work which individuals are called upon to do. After a thorough study of this knowledge, the peoples will voluntarily submit to authority and accept such position as is appointed them in the State. In the present state of knowledge and the direction we have given to its development of the people, blindly believing things in print - cherishes - thanks to promptings intended to mislead and to its own ignorance - a blind hatred towards all conditions which it considers above itself, for it has no understanding of the meaning of class and condition.

JEWS WILL BE SAFE

11. THIS HATRED WILL BE STILL FURTHER MAGNIFIED BY THE EFFECTS of an ECONOMIC CRISES, which will stop dealing on the exchanges and bring industry to a standstill. We shall create by all the secret subterranean methods open to us and with the aid of gold, which is all in our hands, A UNIVERSAL ECONOMIC CRISES WHEREBY WE SHALL THROW UPON THE STREETS WHOLE MOBS OF WORKERS SIMULTANEOUSLY IN ALL THE COUNTRIES OF EUROPE. These mobs will rush delightedly to shed the blood of those whom, in the simplicity of their ignorance, they have envied from their cradles, and whose property they will then be able to loot.
12. "OURS" THEY WILL NOT TOUCH, BECAUSE THE MOMENT OF ATTACK WILL BE KNOWN TO US AND WE SHALL TAKE MEASURES TO PROTECT OUR OWN.
13. We have demonstrated that progress will bring all the GOYIM to the sovereignty of reason. Our despotism will be precisely that; for it will know how, by wise severities, to pacificate all unrest, to cauterize liberalism out of all institutions.
14. When the populace has seen that all sorts of concessions and indulgences are yielded it in the name of freedom it has imagined itself to be sovereign lord and has stormed its way to power, but, naturally like every other blind man, it has come upon a host of stumbling blocks. IT HAS RUSHED TO FIND A GUIDE, IT HAS NEVER HAD THE SENSE TO RETURN TO THE FORMER STATE and it has laid down its plenipotentiary powers at OUR feet. Remember the French Revolution, to which it was we [the Philadelphes (ie.e French branch of the Illuminati)]who gave the name of "Great": the secrets of its preparations are well known to us for it was wholly the work of our hands.
15. Ever since that time we have been leading the peoples from one disenchantment to another, so that in the end they should turn also from us in favor of that KING-DESPOT OF THE BLOOD OF ZION, WHOM WE ARE PREPARING FOR THE WORLD.
16. At the present day we are, as an international force, invincible, because if attacked by some we are supported by other States. It is the bottomless rascality of the GOYIM peoples, who crawl on their bellies to force, but are merciless towards weakness, unsparing to faults and indulgent to crimes, unwilling to bear the contradictions of a free social system but patient unto martyrdom under the violence of a bold despotism - it is those qualities which are aiding us to independence. From the premier-dictators of the present day, the GOYIM peoples suffer patiently and bear such abuses as for the least of them they would have beheaded twenty kings.
17. What is the explanation of this phenomenon, this curious inconsequence of the masses of the peoples in their attitude towards what would appear to be events of the same order?
18. It is explained by the fact that these dictators whisper to the peoples through their agents that through these abuses they are inflicting injury on the States with the highest purpose - to secure the welfare of the peoples, the international brotherhood of them all, their solidarity and equality of rights. Naturally they do not tell the peoples that this unification must be accomplished only under our sovereign rule.
19. And thus the people condemn the upright and acquit the guilty, persuaded ever more and more that it can do whatsoever it wishes. Thanks to this state of things, the people are destroying every kind of stability and creating disorders at every step.
20. The word "freedom" brings out the communities of men to fight against every kind of force, against every kind of authority even against God and the laws of nature. For this reason we, when we come into our kingdom, shall have to erase this word from the lexicon of life as implying a principle of brute force which turns mobs into bloodthirsty beasts.
21. These beasts, it is true, fall asleep again every time when they have drunk their fill of blood, and at such time can easily be riveted into their chains. But if they be not given blood they will not sleep and continue to struggle.

Forward to next Page/ . . .
Back to Table of Contents/ . . .


http://www.biblebelievers.org.au/














Conquista del mondo attraverso il governo ebraico mondiale
I PROTOCOLLI DEI
Savi 
DI ZION

PROTOCOLLI DELLE RIUNIONI 
DEI Savi di Sion

PROTOCOLLO N. 1

1. Mettendo da parte .... belle frasi si parlerà del significato di ogni pensiero: da paragoni e deduzioni che si gettano luce su fatti circostante.
2. Quello che sto per esporre, poi, è il nostro sistema dai due punti di vista, quella di noi stessi e quella del goy [cioè, non-ebrei].
3. Si deve notare che gli uomini con istinti cattivi sono più numerosi di bene, e quindi i migliori risultati che li introducono sono raggiunti con la violenza e terrorizazioni, e non per le discussioni accademiche. Ogni uomo mira al potere, chiunque vorrebbe diventare un dittatore, se solo lui potesse, e rari sono infatti gli uomini che non sarebbero disposti a sacrificare il benessere di tutti per il bene di assicurare il proprio benessere.
4. Che cosa ha frenato le bestie da preda che sono chiamati gli uomini? Che cosa è servito per la loro guida fino ad allora?
5. Agli inizi della struttura della società, sono stati sottoposti alla forza brutale e cieca, poi - alla legge, che è la stessa forza, solo mascherato. Traggo la conclusione che con la legge di natura, si trova proprio nel vigore.
6. La libertà politica è un'idea, ma non un fatto. Questa idea si deve sapere come applicare ogni volta che appare necessario, con questa esca di un'idea per attirare le masse popolari al proprio partito per l'intento di abbattere un altro che è in autorità. Questo compito è reso più facile se l'avversario si è stati infettati con l'idea di libertà, cosiddetto liberalismo, e, per amore di un'idea, è disposto a cedere parte del suo potere. E 'proprio qui che il trionfo della nostra teoria sembra, le redini allentati del governo sono immediatamente, per la legge della vita, catturati e riuniti da una mano nuova, perché la forza cieca della nazione non può, per un solo giorno esistere senza guida, e la nuova autorità si inserisce semplicemente nel posto del vecchio già indebolito dal liberalismo.

ORO

7. Ai nostri giorni il potere che ha sostituito quella dei governanti che erano liberali è il potere d'Oro. C'è stato un tempo, quando Faith governato. L'idea della libertà di realizzazione è impossibile perché nessuno sa come usarlo con moderazione. E 'sufficiente consegnare un popolo all'auto-government per un certo periodo di tempo per quel popolo per essere trasformata in una folla disorganizzata. Da quel momento in poi otteniamo lotte intestine che si sviluppa ben presto in battaglie tra le classi, in mezzo a cui gli Stati bruciare e la loro importanza si riduce a quella di un mucchio di cenere.
8. Se uno Stato si esaurisce nelle sue proprie convulsioni, se la sua discordia interna che porta sotto il potere dei nemici esterni - in ogni caso può essere rappresentato irrimediabilmente persa: IT è in nostro potere. Il dispotismo del Capitale, che è interamente nelle nostre mani, è protesa a una paglia che lo Stato, volente o nolente, deve afferrare: se non - si va verso il basso.
9. Qualora qualcuno di una mente liberale dire che tali riflessioni quelli di cui sopra sono immorali, vorrei mettere le seguenti domande: se ogni Stato ha due nemici, e se per quanto riguarda il nemico esterno è consentito e non è considerato immorale usare ogni maniera ed arte di conflitto, come ad esempio per tenere il nemico all'oscuro dei piani di attacco e difesa, per attaccare lui di notte o in superiorità numerica, quindi in che modo gli stessi mezzi nei confronti di un avversario peggiore, il distruttore della struttura la società e il bene comune, essere chiamato immorale e non ammissibile?
10. E 'possibile per qualsiasi mente sana logica sperare con alcun successo per guidare le folle con l'aiuto di consigli e argomenti ragionevoli, quando qualsiasi obiezione o contraddizione, priva di senso per quanto possa essere, può essere fatto e quando tale obiezione può trovare più il favore del le persone, i cui poteri di ragionare sono superficiali? Uomini in masse e gli uomini delle masse, essendo guidati esclusivamente da piccole passioni, credenze, tradizioni meschini e teoremi sentimentali, cadono in preda a dissensi partito, che ostacola ogni tipo di accordo anche sulla base di un ragionamento perfettamente ragionevole. Ogni risoluzione di una folla dipende la possibilità o di maggioranza confezionato, che, nella sua ignoranza dei segreti politici, mette fuori qualche soluzione ridicolo che l'amministrazione pone in un seme di anarchia.
11. Il politico non ha nulla in comune con la morale. Il sovrano, che è regolato dalla morale non è un politico esperto, ed è quindi instabile sul suo trono. Chi vuole governare deve ricorrere sia per astuzia e finzione. Grandi qualità nazionali, come la franchezza e onestà, sono i vizi in politica, perché portano rovesciato i potenti dai troni più efficace e più sicuro rispetto al nemico più potente. Queste qualità devono essere gli attributi dei regni del goyim, ma dobbiamo in nessun modo essere guidata da loro.

E 'diritto potrebbe

12. Il nostro diritto sta nella forza. La parola "diritto" è un pensiero astratto e dimostrato da nulla. La parola non significa altro che: Datemi quello che voglio, in modo che così io possa avere una prova che io sono più forte di te.
13. Dove giusto iniziare? Dove finisce?
14. In ogni Stato in cui vi è una cattiva organizzazione di autorità, una impersonalità delle leggi e dei governanti che hanno perso la loro personalità in mezzo al diluvio di diritti sempre più moltiplicando fuori del liberalismo, trovo un nuovo diritto - agli attacchi alla destra del forte, e per spargere al vento tutte le forze esistenti di ordine e regolamentazione, per ricostruire tutte le istituzioni e di diventare il signore sovrano di coloro che ci hanno lasciato i diritti del loro potere mettendole volontariamente nel loro liberalismo.
15. Il nostro potere nella presente condizione traballante di tutte le forme di potere sarà più invincibile di qualunque altro, perché rimarrà invisibile fino al momento in cui ha acquisito una tale forza che nessuno può più astuzia minarlo.
16. Out of the male temporaneo che stiamo costretti a commettere emergerà il bene di una regola incrollabile, che consentirà di ripristinare il regolare svolgimento della macchina della vita nazionale, ha portato a nulla dal liberalismo. Il risultato giustifica i mezzi. Cerchiamo, però, nei nostri piani, dirigere la nostra attenzione non tanto a ciò che è buono e morale su ciò che è necessario e utile.
17. Davanti a noi è un piano in cui è prevista la linea strategica dalla quale non possiamo deviare, senza correre il rischio di vedere il lavoro di molti secoli portato a nulla.
18. Al fine di elaborare forme soddisfacenti di azione, è necessario tener conto della furfanteria, della debolezza, l'instabilità della folla, la sua mancanza di capacità di comprendere e rispettare le condizioni della sua propria vita, né il proprio benessere. Si deve comprendere che la potenza di una folla è cieca, insensata e poco ragionamento forza sempre alla mercé di un suggerimento da ogni lato. Il cieco non può portare i ciechi senza portarli nell'abisso, di conseguenza, i membri della folla, Upstarts dal popolo anche se dovrebbe essere come un genio della saggezza, ma non avendo conoscenza della politica, non può presentarsi come leader della mob senza portare tutta la nazione alla rovina.
19. Solo uno addestrato fin dall'infanzia per la regola indipendente può avere comprensione delle parole che possono essere fatte da l'alfabeto politico.
20. Un popolo abbandonato a se stesso, cioè, rispetto alle neoimprese dal suo mezzo, si porta alla rovina da dissensi di partito eccitati dalla ricerca del potere e onori e dei disturbi che ne derivano. È possibile che le masse del popolo con calma e senza gelosie per formare giudizio, per affrontare gli affari del paese, che non possono essere mescolati con interesse personale? Possono difendersi da un nemico esterno? E 'impensabile, per un piano suddiviso in tante parti quante sono le teste della folla, perde ogni omogeneità, e diventa così incomprensibile e impossibile di esecuzione.

SIAMO despoti

21. E 'solo con un governatore dispotico che i piani possono essere elaborati ampiamente e chiaramente in modo tale da distribuire il tutto correttamente tra le varie parti della macchina dello Stato: da questo la conclusione è inevitabile che una forma soddisfacente di governo per qualsiasi paese è uno che si concentra nelle mani di una persona responsabile. Senza un dispotismo assoluto non ci può essere l'esistenza di civiltà che è portata avanti non dalle masse, ma per la loro guida, chi quella persona possa essere. La folla è selvaggio, e mostra la sua ferocia in ogni occasione. Nel momento in cui la folla prende la libertà nelle sue mani si trasforma rapidamente l'anarchia, che di per sé è il più alto grado di barbarie.
22. Ecco gli animali alcoliche, confusi con la bevanda, il diritto a un uso smodato di che viene insieme alla libertà. Non è per noi e il nostro a camminare su questa strada. I popoli dei goyim sono confuso con liquori alcoliche; la loro giovinezza si è sviluppata stupido sul classicismo e dalla immoralità precoce, in cui è stato introdotto dai nostri agenti speciali - da tutor, i lacchè, governanti nelle case dei ricchi, per impiegati e altri, le nostre donne nei luoghi di dissipazione frequentato dai goyim. Nel numero di questi ultimi che contano anche le cosiddette società "signore", seguaci volontari degli altri in corruzione e di lusso.
23. Il nostro contrassegno è - Forza e finzione. Solo conquista di forza in campo politico, soprattutto se essere occultate nei talenti essenziali statisti. La violenza deve essere il principio, e l'astuzia e la finzione la regola per i governi che non vogliono deporre le corone ai piedi degli agenti di qualche nuovo potere. Questo male è l'unico e unico mezzo per raggiungere il fine, il bene. Quindi non ci dobbiamo fermare alla corruzione, l'inganno e il tradimento, quando dovrebbero servire verso il raggiungimento del nostro fine. In politica bisogna saper cogliere le proprietà altrui senza esitazione, se da esso ci garantire la sottomissione e la sovranità.
24. Il nostro Stato, marciando lungo il percorso della conquista pacifica, ha il diritto di sostituire gli orrori della guerra con pene meno evidenti e più soddisfacente di morte, necessarie a mantenere il terrore che tende a produrre cieca sottomissione. Giusta severità spietata, ma è il più grande fattore di forza nello Stato: non solo per amore di guadagno, ma anche in nome del dovere, per amore della vittoria, dobbiamo attenerci al programma della violenza e della finzione. La dottrina di conti squadratrici è proprio forte come i mezzi di cui si avvalgono. Quindi non è tanto con i mezzi stessi come dalla dottrina di gravità che deve trionfare e portare tutti i governi in soggezione al nostro super-governo. E 'sufficiente per loro sapere che siamo troppo spietato per tutti disobbedienza a cessare.

Finiremo LIBERTY

25. Già nei tempi antichi siamo stati i primi a piangere tra le masse del popolo le parole "Libertà, Uguaglianza, Fraternità", tante volte le parole ripetute dal momento che in questi giorni da stupidi sondaggi di pappagalli che, da tutte le parti intorno, volò giù su questi esche e li portò via con il benessere del mondo, la vera libertà dell'individuo, già così ben custodito contro la pressione della folla. Il aspiranti saggi dei goyim, gli intellettuali, non poteva fare nulla delle parole pronunciate nella loro abstractedness; non vedere che in natura non c'è uguaglianza, non può essere la libertà: quella stessa natura ha stabilito la disuguaglianza delle menti, di caratteri, e capacità, così come immutabile come lei ha stabilito subordinazione alle sue leggi: non ha mai smesso di pensare che la mafia è una cosa cieca, che parvenus eletto tra a sopportare regola sono, per quanto riguarda la politica, il cieco stesso uomini come la mafia, che l'adepto, benché sia uno sciocco, può ancora governare, mentre la non-adepto, anche se fosse un genio, non capisce nulla nella politica - a tutte quelle cose che i goyim pagato alcun riguardo; ancora per tutto il tempo è basata su queste cose che regola dinastica riposato: il padre passa al figlio una conoscenza del corso di affari politici in tal guisa che nessuno dovrebbe sapere, ma i membri della dinastia e nessuno poteva tradire ai governati . Col passare del tempo, il significato del transfert dinastico della vera posizione delle cose in politica è stato perso, e questo aiutato il successo della nostra causa.
26. A tutti gli angoli della terra le parole "Libertà, Uguaglianza, Fraternità", ha portato ai nostri ranghi, grazie ai nostri agenti non vedenti, intere legioni che portavano i nostri banner con entusiasmo. E per tutto il tempo queste parole erano Canker-vermi al lavoro noioso nel benessere dei goyim, ponendo fine in tutto il mondo alla pace, alla tranquillità, la solidarietà e distruggendo tutti i fondamenti degli Stati GOY. Come si vedrà più avanti, questo ci ha aiutato a nostro trionfo: ci ha dato la possibilità, tra le altre cose, di avere nelle nostre mani la scheda master - la distruzione dei privilegi, o in altre parole della stessa esistenza della aristocrazia i goyim, quella classe che era solo la difesa dei popoli e dei paesi avevano contro di noi. Sulle rovine dell'aristocrazia naturale e genealogica dei goyim abbiamo istituito l'aristocrazia della nostra classe istruita guidato dal l'aristocrazia del denaro. Le qualifiche di questa aristocrazia abbiamo stabilito in ricchezza, che è dipendente da noi, e in conoscenza, per cui i nostri anziani imparato fornire la forza motrice.
27. Il nostro trionfo è stato reso più facile dal fatto che nelle nostre relazioni con gli uomini, che abbiamo voluto, abbiamo sempre lavorato sulle corde più sensibili della mente umana, sul conto di cassa, alla cupidigia, alla insaziabilità per i bisogni materiali dell'uomo, e ciascuna di queste debolezze umane, presa da sola, è sufficiente a paralizzare l'iniziativa, perché le mani sulla volontà degli uomini a disposizione di colui che ha acquistato le loro attività.
28. L'astrazione della libertà ci ha permesso di convincere la folla in tutti i paesi che il loro governo non è altro che l'amministratore delle persone che sono i proprietari del paese, e che l'amministratore può essere sostituito come un logoro guanto.
29. E 'questa possibilità di sostituire i rappresentanti del popolo, che ha posto a nostra disposizione, e, per così dire, ci ha dato il potere di nomina.

Eseguire il backup di Table of Contents /. . .

PROTOCOLLO N. 2

1. E 'indispensabile per il nostro scopo che le guerre, per quanto possibile, non dovrebbe portare a guadagni territoriali: la guerra saranno così portati sul terreno economico, in cui le nazioni non mancherà di percepire nell'assistenza diamo la forza del nostro predominio , e questo stato di cose metterà entrambe le parti in balia della nostra AGENTUR internazionale; che possiede milioni di occhi sempre in guardia e libero da ogni limitazione di sorta. I nostri diritti internazionali poi spazzare via i diritti nazionali, nel senso proprio del diritto, e governerà le nazioni proprio come il diritto civile degli Stati governa i rapporti dei loro sudditi tra di loro.
2. Gli amministratori, i quali devono scegliere tra il pubblico, con rigoroso rispetto alle loro capacità di obbedienza servile, non saranno soggetti addestrati nelle arti di governo, e quindi facilmente diventare pedine nel nostro gioco nelle mani degli uomini di apprendimento e genio che saranno i loro consulenti, specialisti allevate dalla prima infanzia a governare gli affari di tutto il mondo. Come è ben noto, questi specialisti di nostri sono stati disegno per farli stare per governare le informazioni di cui hanno bisogno dai nostri piani politici dalle lezioni della storia, da osservazioni effettuate negli eventi di ogni momento che passa. I goyim non sono guidati da un uso pratico della spregiudicata osservazione storica, ma dalla routine teorica senza alcuna considerazione critica per i risultati conseguenti. Non dobbiamo, quindi, tiene alcun conto della loro - lasciare che si divertono fino a quando gli scioperi ora, o vivono sulle speranze delle nuove forme di passatempo intraprendente, o su i ricordi di tutto quello che hanno goduto. Per loro lasciare che recitare la parte principale che li abbiamo convinti ad accettare i dettami della scienza (teoria). E 'con questo oggetto in vista che siamo costantemente, tramite la nostra stampa, suscitando una fiducia cieca in queste teorie. Gli intellettuali dei goyim si si gonfiano con le loro conoscenze e senza alcuna verifica logica di loro metterà in atto tutte le informazioni disponibili dalla scienza, che i nostri specialisti hanno Agentur astutamente messo insieme allo scopo di educare la loro mente nella direzione che vogliamo .

ISTRUZIONE DISTRUTTIVO

3. Non supponiamo per un momento che queste affermazioni sono parole vuote: riflettere attentamente dei successi abbiamo organizzato per il darwinismo (Evolution), il marxismo (comunismo), Nietzsche-ism (socialismo). Per noi ebrei, in ogni caso, dovrebbe essere chiaro a vedere che cosa un'importanza disintegrando queste direttive hanno avuto sulle menti dei goyim.
4. E 'indispensabile per noi, per tener conto dei pensieri, i personaggi, le tendenze delle nazioni, al fine di evitare di fare scivola nella politica e nella direzione degli affari amministrativi. Il trionfo del nostro sistema di cui i componenti della macchina possono essere variamente disposti secondo il temperamento dei popoli incontrati sul nostro cammino, non sarà di successo se l'applicazione pratica di non essere basato su un riassunto delle lezioni di passato alla luce della presente.
5. Nelle mani degli Stati di oggi c'è una grande forza che crea il movimento del pensiero nel popolo, e che è la stampa. Il ruolo della stampa è quello di mantenere indicando i requisiti dovrebbero essere indispensabile, per dare voce alle lamentele della gente, di esprimere e di creare malcontento. E 'sulla stampa che il trionfo della libertà di espressione trova la sua incarnazione. Ma gli Stati goyim non hanno saputo fare uso di questa forza, ed è caduto nelle nostre mani. Attraverso la stampa abbiamo acquisito il potere di influenzare, mentre noi stessi rimanendo in ombra, grazie alla stampa che abbiamo ottenuto l'oro nelle nostre mani, nonostante il fatto che abbiamo dovuto raccogliere fuori degli oceani di sangue e di lacrime. Ma ci ha pagato, anche se abbiamo sacrificato molti della nostra gente. Ogni vittima dalla nostra parte vale la pena agli occhi di Dio mille goyim.

Eseguire il backup di Table of Contents /. . .

PROTOCOLLO N. 3

1. Oggi posso dirvi che il nostro obiettivo ora è a pochi passi off. Rimane un piccolo spazio da attraversare e l'intero percorso lungo che abbiamo calpestato ora è pronto a chiudere il ciclo del Serpente Simbolico, con cui vogliamo rappresentare il nostro popolo. Quando questo anello si chiude, tutti gli Stati d'Europa sarà bloccato nella sua bobina come in una morsa potente.
2. Le scale costituzione di questi giorni breve abbattere, perché li abbiamo stabilito con una certa mancanza di equilibrio esatto in modo che possano oscillare incessantemente fino a quando non indossano attraverso il perno su cui girano. I goyim sono sotto l'impressione di aver saldato le sufficientemente forte e tutti hanno continuato a lungo in attesa che le scale sarebbe venuto in equilibrio. Ma i perni - i re sui loro troni - sono circondato dai loro rappresentanti, che il matto, sconvolti con il proprio potere incontrollato e irresponsabile. Questo potere si devono al terrore che si è respirato nei palazzi. Poiché non hanno i mezzi per arrivare alla loro gente, in mezzo a loro, i re sui loro troni non sono più in grado di venire a patti con loro e così si rafforzerà nei confronti dei richiedenti dopo l'accensione. Abbiamo fatto un abisso tra il potere sovrano lungimirante e la forza cieca del popolo in modo che entrambi hanno perso ogni significato, per come il cieco e il suo bastone, entrambi sono impotenti a parte.
3. Al fine di incitare i richiedenti dopo che l'alimentazione ad un abuso di potere abbiamo messo tutte le forze in opposizione l'uno all'altro, rompendo le loro tendenze liberali verso l'indipendenza. A tal fine abbiamo fomentato ogni forma di impresa, abbiamo armato tutte le parti, abbiamo istituito autorità come un bersaglio per ogni ambizione. Degli Stati abbiamo fatto arene di gladiatori, dove un sacco di problemi confusi si contendono ... Un po 'di più, e disturbi e il fallimento sarà universale ...
4. Cince, inesauribile, hanno trasformato in gare oratorie delle sedute del Parlamento europeo e del Consiglio di amministrazione. Grassetto giornalisti e scrittori di opuscoli al giorno senza scrupoli cadere su funzionari esecutivi. Abusi di potere metterà il tocco finale nella preparazione tutte le istituzioni per il loro abbattimento e tutto ciò che volerà verso il cielo sotto i colpi della folla impazzita.

POVERTA 'LA NOSTRA ARMA

5. Tutte le persone sono incatenati fino a fatica pesante dalla povertà più saldamente che mai. Erano incatenati dalla schiavitù e la servitù della gleba, da questi, in un modo e un altro, potrebbero liberarsi. Questi potrebbero essere risolte con, ma dal bisogno non potranno mai scappare. Abbiamo incluso nella costituzione tali diritti per quanto riguarda le masse appaiono diritti fittizi e non reali. Tutti questi cosiddetti "Popoli Diritti" può esistere solo in idea, un'idea che non può mai essere realizzata nella vita pratica. Che cosa è il proletariato operaio, chino sulla sua doppia fatica pesante, schiacciato dal suo destino nella vita, se oratori ottenere il diritto a balbettare, se i giornalisti ottenere il diritto di scarabocchio qualsiasi lato sciocchezze a fianco con roba buona, una volta che il proletariato ha no profit altro dalla Costituzione salvare solo quelle briciole pietose che li gettano dalla nostra tabella in cambio del loro voto a favore di ciò che dettare, a favore degli uomini che abbiamo posto al potere, i servi del nostro AGENTUR ... Diritti repubblicani per un uomo povero non sono altro che un pezzo di ironia amara, per la necessità che è sotto di faticare quasi tutto il giorno gli dà alcun uso attuale, ma d'altra parte lo deruba di tutte le garanzia di guadagni regolari e di alcuni facendolo dipendere scioperi da parte dei suoi compagni o serrate da parte dei suoi maestri.

SOSTENIAMO COMUNISMO

6. Il popolo, sotto la nostra guida, hanno annientato l'aristocrazia, che erano la loro unica difesa e la madre adottiva per il bene del proprio vantaggio, che è indissolubilmente legato al benessere del popolo. Oggi, con la distruzione dell'aristocrazia, le persone sono caduti nelle grinfie di spietati denaro rettifica mascalzoni che hanno posato un giogo spietato e crudele sul collo dei lavoratori.
7. Ci appaiono sulla scena come presunti salvatori del lavoratore da questa oppressione, quando ci proponiamo di lui per entrare nei ranghi delle nostre forze combattenti - socialisti, anarchici, comunisti - a cui diamo sempre sostegno in conformità con una regola presunta fraterna (del solidarietà di tutta l'umanità) del nostro SOCIALE IN MURATURA . L'aristocrazia, che gode per legge il lavoro degli operai, era interessato a vedere che gli operai erano ben nutriti, sani e forti. Siamo interessati a esattamente l'opposto - in diminuzione, l'uccisione OUT DEL goyim. La nostra forza è nella mancanza cronica di cibo e la debolezza fisica del lavoratore, perché da tutto ciò che questo implica egli è fatto schiavo di nostra volontà, ed egli non troverà nelle sue stesse autorità o la forza o energia per impostare contro la nostra volontà. La fame crea il diritto del capitale di dominare il lavoratore più sicuro di quello che è stato dato l'aristocrazia da parte dell'autorità legale dei re.
8. Dal bisogno e l'invidia e l'odio che genera noi spostare le folle e con le loro mani, noi spazzare via tutti coloro che ci ostacolano il nostro cammino.
9. QUANDO GLI SCIOPERI PER ORA NOSTRO SIGNORE Sovrano di tutto il mondo per essere incoronato Sono queste le stesse mani che spazzerà via tutto ciò che potrebbe SUO ESSERE UN OSTACOLO. (Il biblico "Anti-Cristo?")
10. I goyim hanno perso l'abitudine di pensare se non spinto dai suggerimenti dei nostri specialisti. Quindi non vedono la necessità urgente di quello che, quando arriva il nostro regno, adotta immediatamente, in particolare questo, che è essenziale per insegnare in scuole nazionali SEMPLICE, vero pezzo di conoscenza, la base di ogni conoscenza - la conoscenza DEL struttura della vita umana, dell'esistenza sociale, CHE RICHIEDE divisione del lavoro e, di conseguenza, la divisione degli uomini in classi e CONDIZIONI. E 'essenziale per tutti sapere che, a causa DIFFERENZA DI TUTTI GLI OGGETTI DI ATTIVITA' UMANA NON CI PUO 'ESSERE DIVERSA UGUAGLIANZA, che lui, che per ogni atto dei suoi compromessi un'intera classe, non può essere egualmente responsabili davanti alla legge con lui, che colpisce nessuno ma solo il proprio onore. La vera conoscenza della struttura della società, i segreti di cui noi non ammettono i goyim, dimostrerebbe a tutti gli uomini che le posizioni e il lavoro devono essere conservati all'interno di un cerchio certo che essi non possono diventare una fonte di sofferenza umana, derivanti da una educazione che non corrisponde con il lavoro che gli individui sono chiamati a fare. Dopo uno studio approfondito di questa conoscenza, i popoli volontariamente sottomettersi all'autorità e di accettare la posizione, come li designato nel territorio dello Stato. Allo stato attuale delle conoscenze e la direzione che abbiamo dato al suo sviluppo delle persone, le cose che credono ciecamente in stampa - conserva, grazie ai suggerimenti destinati a indurre in errore e la sua ignoranza - un odio cieco verso tutte le condizioni che si ritiene sopra di sé , perché non ha alcuna comprensione del significato di classe e condizione.

EBREI sarà al sicuro

11. Questo odio SARA 'essere ulteriormente amplificato da gli effetti di una crisi economica, che smetterà di fare affari sulle borse e portare l'industria a un punto morto.Creeremo da tutti i metodi segreti sotterranei aperti a noi e con l'ausilio di oro, che è tutto nelle nostre mani, una crisi economico universale CUI NOI LANCIO IN CONSIDERAZIONE le folle intere strade di LAVORATORI contemporaneamente in tutti i paesi d'Europa. Questi mob si getteranno con gioia di spargere il sangue di coloro che, nella semplicità della loro ignoranza, hanno invidiato dalle loro culle, e la cui proprietà saranno quindi in grado di saccheggiare.
12. "La nostra" non toccherà, perché il momento DI ATTACCO saranno resi noti DA NOI E NOI adottano misure per proteggere la nostra.
13. Abbiamo dimostrato che il progresso porterà tutti i goyim alla sovranità della ragione. Il nostro dispotismo sarà proprio quello, perché saprà, dalla severità saggi, a tutti i disordini pacificate, per cauterizzare liberalismo in tutti gli istituti.
14. Quando la popolazione ha visto che tutti i tipi di concessioni e le indulgenze sono lo cedette in nome della libertà che si è immaginato di essere sovrano e signore ha preso d'assalto il suo modo di potere, ma, naturalmente, come ogni altro uomo cieco, è venuto su un serie di ostacoli. IT si è precipitata a trovare una guida, non ha mai avuto il buon senso di tornare nello Stato EX e ha stabilito i suoi poteri plenipotenziari ai nostri piedi. Ricordate la Rivoluzione francese, al quale si era [i Philadelphes ie.e (ramo francese del Illuminati)] che hanno dato il nome di "Grande": i segreti delle sue preparazioni sono ben noti a noi perché era tutto il lavoro di le nostre mani.
15. Da quel momento ci hanno guidato i popoli da una delusione all'altra, in modo che alla fine si dovrebbe girare anche da noi in favore di quel Re-Despota del sangue di ZION, cui stiamo PREPARAZIONE PER IL MONDO.
16. Al giorno d'oggi siamo, come una forza internazionale, invincibile, perché se attaccato da alcuni che sono supportati da altri Stati. E 'la furfanteria fondo dei popoli goyim, che strisciano sul ventre per forza, ma sono spietati verso la debolezza, spietato a difetti e indulgenti ai reati, disposti a sopportare le contraddizioni di un sistema sociale libero, ma paziente, fino al martirio sotto la violenza della un dispotismo in grassetto - è quelle qualità che ci stanno aiutando ad indipendenza. Dal premier-dittatori di oggi, i popoli goyim soffrono con pazienza e sopportare tali abusi, come per l'ultimo dei loro avrebbero decapitato venti re.
17. Qual è la spiegazione di questo fenomeno, questa curiosa incongruenza delle masse dei popoli nel loro atteggiamento verso quello che sembrerebbe essere eventi dello stesso ordine?
18. E si spiega con il fatto che questi dittatori sussurrare ai popoli attraverso i loro agenti che attraverso questi abusi che stanno facendo danni nei confronti degli Stati con il più alto scopo - assicurare il benessere dei popoli, la fratellanza internazionale di tutti, la loro solidarietà e parità di diritti. Naturalmente non dicono i popoli che questa unificazione deve essere realizzate solo sotto il nostro governo sovrano.
19. E così il popolo condannano il montante ed assolvere i colpevoli, convinto sempre più che può fare tutto ciò che vuole. Grazie a questo stato di cose, le persone stanno distruggendo ogni tipo di stabilità e di creare disordini ad ogni passo.
20. La parola "libertà" mette in evidenza le comunità di uomini a combattere contro ogni tipo di forza, contro ogni tipo di autorità anche contro Dio e le leggi della natura.Per questa ragione noi, quando entriamo nel nostro regno, dovrà cancellare questa parola dal lessico della vita nel senso di implicare un principio di forza bruta che si trasforma in bestie assetate di sangue mobs.
21. Queste bestie, è vero, si addormentano di nuovo ogni volta quando hanno bevuto a sazietà di sangue, e al momento in cui può essere facilmente ribaditi nelle loro catene. Ma se non dare il sangue non dormirà e continuare a lottare.

Inoltra alla pagina successiva /. . . 
Torna al Sommario /. . .


http://www.biblebelievers.org.au/~~V

v

http://www.biblebelievers.org.au/przion2.htm#PROTOCOL%20No.%201
http://www.biblebelievers.org.au/przion2.htm#PROTOCOL%20No.%201